menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassinate, si chiamava Umberto Pariselli l'uomo investito ed ucciso da un'auto. Arrestato il conducente

L'investimento mortale nella tarda serata di ieri nei pressi del ristorante I Tre Pini ai confini con San Vittore. L'ottantenne residente in zona, era a bordo di una bicicletta

E' stato fermato ed arrestato con le accuse di omicidio stradale ed omissione di soccorso dai carabinieri di Cervaro unitamente ai colleghi della stazione di Cassino, il conducente della Fiat Punto che martedì sera ha investito e ucciso un uomo di ottantuno anni. E' stato trovato mentre girovagava a piedi tra le campagne di Rocca d'Evandro dove vive. In stato di choc è stato condotto in caserma. 

La vittima

A perdere la vita è stato Umberto Pariselli, un pensionato di ottantuno anni residente nella zona di Collecanne tra Cassino e San Vittore del Lazio ed a poche centinaia di metri dal punto in cui è stato investito mentre era in sella alla sua bicicletta. Inutile ogni soccorso e anche l'arrivo di un elicottero dell'Ares 118. 

Le indagini

I carabinieri della stazione di Cervaro impegnati in un servizio di controllo del territorio hanno notato lungo la strada l'uomo a terra e poco distante la sua bicicletta. Hanno immediatamente allertato i soccorsi e nello stesso tempo hanno avviato le ricerche del conducente di una Fiat Punto trovata abbandonata poco lontano dall'incidente e con i segni visibili dell'investimento. Il proprietario, un operaio di Rocca d'Evandro di cinquantotto anni D.P.E, per la paura si era allontanato ma poco prima della mezzanotte è stato trovato e fermato. Il magistrato Marina Marra della procura di Cassino ha disposto gli arresti domiciliari per l'uomo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento