Cassino, apre il finestrino dell'autobus e scatta la rissa: denunciati in quattro

Furibonda lite ieri pomeriggio tra quattro ragazzi richiedenti asilo. Per uno di loro sono state necessarie le cure del 118

È bastata l'apertura di un finestrino sull'autobus per scatenare una rissa. Ieri pomeriggio quattro ragazzi richiedenti asilo, una volta scesi dal pullman sul quale stavano viaggiando, hanno iniziato a litigare furiosamente fra loro. Una lite iniziata per futili motivi e sedata solo grazie all'intervento degli agenti del Commissariato di Cassino che hanno accompagnato i giovani in ufficio per l'identificazione. I quattro sono stati denunciati alla procura di Cassino per rissa aggravata. Per uno di loro sono state necessarie le cure del 118 a causa delle ferite riportate. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento