Maxi retata a Napoli. In manette anche un ex calciatore di Cassino scampato ad un attentato

Davide Trotta è stato arrestato insieme ad altre sedici persone. Pesanti i capi d'accusa a loro carico. Nel 2013 la sua abitazione di via XX settembre venne distrutta da una bomba

C'è anche Davide Trotta, 38enne di Cassino, ex calciatore, tra i diciassette arrestati nella maxi retata messa in atto a Napoli dalla Polizia su disposizione della Dda. Pesanti i capi di accusa che vanno dal traffico di armi allo spaccio di droga. Il ruolo del cassinate nell'organizzazione sarebbe stato quello di anello di congiunzione tra la Campania ed il basso Lazio.

Il precedente

Davide Trotta e sua moglie il 27 ottobre del 2013 riuscirono ad uscire miracolosamente illesi da un attentato compiuto da danno del loro appartamento in via XX settembre. Una bomba carta venne posizionata sul davanzale di una finestra che venne scardinata insieme ad una pioggia di schegge che finirono sul letto dove dormivano i proprietari. Le forze dell'ordine intervenute sul posto avviarono un'indagine che non ha mai dato esiti positivi anche se dal primo momento fu chiara a tutti la matrice intimidatoria dell'attentato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento