Cassino, estorsione e minacce al ginecologo della compagna: arrestati madre e figlio rom

Il professionista, residente nella Valle dei Santi, da un mese veniva pressato dalle richieste di restituzione del denaro versato per un intervento di inseminazione artificiale che non sarebbe andato a buon fine e che avrebbe provocato danni fisici alla paziente

I carabinieri

Non hanno gradito la prestazione medica di un noto ginecologo di Sant'Apollinare che aveva sottoposto una loro parente ad un trattamento di inseminazione artificiale. Per questo motivo Kristian Spada, 21 anni e sua madre Antonietta Bevilacqua di 42 residenti a Pietramelara in provincia di Caserta, con la complicità di altre persone in fase di identificazione, hanno vessato e minacciato per mesi il professionista.

La ricostruzione dei fatti e le indagini

Tutto ha avuto inizio con una denuncia presentata lo scorso mese di ottobre dal ginecologo. Il medico ai militari della Compagnia di Cassino ha riferito di una richiesta di danaro arrivata da alcune persone di etnia rom per sanare, a loro dire, un errore del medico che avrebbe comportato danni fisici ad una ragazza minorenne e compagna di Kristian Spada. La giovane coppia si era rivolta al professionista per un problema di infertilità e, poiché, ciò non era andato a buon fine, avevano addebitato al camice bianco i problemi ginecologici conseguiti a seguito della cura. Un mese e mezzo di minacce e vessazioni. Il medico esasperato dalle continue richieste e spaventato da eventuali conseguenze anche fisiche, fingendo di acconsentire alla richiesta estorsiva, è riuscito a trattare la cifra e chiudere il tutto con il pagamento di duemila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il blitz e l'arresto

Ha dato appuntamento ai due ed ha avvertito i carabinieri del colonnello Fabio Cagnazzo e del capitano Ivan Mastromanno che si sono appostati. I colleghi della stazione di Sant'Apollinare e quelli di Cassino, coordinati dal luogotenente Vincenzo Quadrale, hanno finto di essere pazienti in fila e quando i due sono entrati ed hanno riscosso la somma, hanno fatto scattare le manette. I carabinieri hanno sequestrato ai due rom una roncola dalla lama di oltre 15 centimetri. Madre e figlio dopo l'arresto sono stati trasferiti ai domiciliari nel loro paese di residenza mentre i militari dell'Arma stanno indagando per incastrare eventuali complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento