rotate-mobile
L'emergenza / Cassino

Carenza di ginecologici al 'Santa Scolastica': difficoltà quotidiane

Tre parti cesareo d'urgenza gestiti da un solo medico. Il sindaco di Cassino, Enzo Salera, scrive al presidente Rocca

Alla luce di quanto avvenuto, nei giorni scorsi, presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia del 'Santa Scolastica' di Cassino, dove una dottoressa ha dovuto gestire da sola tre parti cesareo d'urgenza, il sindaco di Cassino, Enzo Salera, ha chiesto al Presidente della Giunta Regionale, Francesco Rocca, un immediato incontro.

“Pochi giorni fa presso l’ospedale di Cassino, solo grazie al tempestivo quanto provvidenziale intervento di una ginecologa in reperibilità - si legge nella missiva -, proveniente da un paese vicino, sono stati effettuati ben tre parti cesarei in condizione di urgenza, in un reparto che contava esclusivamente sulla presenza di un medico a contratto, peraltro in pensione.

Tutto ciò è grave se si pensa all’elevato rischio corso dalle tre neo mamme e dai rispettivi figli, letteralmente salvati dalla ginecologa costretta a precipitarsi al 'Santa Scolastica' per evitare che si trasformasse in dramma, una situazione da tempo insostenibile, a maggior ragione alla luce del vasto bacino d’utenza – è bene ricordarlo, anche extra regionale – del polo ospedaliero della nostra Città".

"Ciononostante, presso il 'Santa Scolastica', risultano in servizio, allo stato attuale, 3 ginecologi, di cui 1 esonerato dal servizio notturno e dalla reperibilità. A Frosinone invece, sono 16 ginecologi assegnati ed 8 a Sora, a cui si aggiunge un medico sumaista che si occupa di diagnosi prenatale. Peraltro, in tutto il distretto “D” (di cui Cassino è riferimento) che è a servizio di oltre 110mila residenti, nessun ginecologo territoriale risulta assegnato al consultorio dell’ASL.

E questo naturalmente preclude agli utenti ogni possibilità di poter fruire di un servizio ginecologico pubblico e dunque gratuito, costringendo, giocoforza, chi è chiamato ad affrontare una gravidanza, a rivolgersi ad un privato. Eppure il Santa Scolastica, fa registrare numeri assimilabili allo Spaziani di Frosinone: oltre 8100 ricoveri, più di 54mila giorni di degenza e ben 32mila interventi all’anno registrati a Cassino nel solo anno 2022 (dato ufficiale Asl). Numeri che ne confermano l’importanza e la strategicità per un territorio di confine come il nostro. Tale quadro denota una situazione insostenibile, una disparità inaccettabile, che va affrontata senza esitazioni, con rapidità e risolutezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di ginecologici al 'Santa Scolastica': difficoltà quotidiane

FrosinoneToday è in caricamento