Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Cassino, picchia la polizia intervenuta per 'salvarlo' da una rissa

Giovane libico fuori di senno è stato arrestato per resistenza e lesioni

Foto dal web

Lite tra stranieri, aggrediti anche i poliziotti intervenuti per riportare la calma. A finire in carcere è stato un diciottenne libico residente in un paese del cassinate. Notte da dimenticare a Cassino, lungo corso della Repubblica quando, dopo una telefonata arriva al 113 le Volanti arrivano sul posto.
Qui, gli agenti che stavano cercando di sedare gli animi, sono stati aggrediti verbalmente e fisicamente - con calci e pugni -  da un giovane, convolto nella lite. Bloccato, il violento, che rifiuta di declinare le generalità, il giovane è stato accompagnato presso gli uffici di Polizia, per gli accertamenti di rito: è un 18enne originario della Libia e residente nell’hinterland cassinate, con precedenti per reati contro la persona. E' stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, minacce, rifiuto di fornire le generalità e lesioni. I poliziotti feriti hanno dovuto fare ricorso alle cure del personale del pronto soccorso 'Santa Scolastica'.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, picchia la polizia intervenuta per 'salvarlo' da una rissa

FrosinoneToday è in caricamento