Cassino, botte da orbi in piazza Labriola: due denunciati per rissa e resistenza a pubblico ufficiale

Protagonisti dell'ennesima scazzottata sono stati quattro uomini. I carabinieri sono riusciti a bloccare un lituano rimasto a terra con il naso rotto ed un italiano residente in città. Gli altri sono fuggiti

Botte da orbi in piazza Labriola. Ancora una volta. E ancora una volta si è sfiorata la tragedia. A rimanere ferito questa volta è stato un lituano di 21 anni che ha riportato la frattura del setto nasale. Quattro i protagonisti della 'scazzottata' che ha visto denunciati lo straniero ed un 33enne di Cassino. A bloccarli, non senza fatica, sono stati i carabinieri del Norm di Cassino agli ordini del capitano Ivan Mastromanno unitamente ai militari della stazione di Picinisco, coordinati da luogotenente Domenico Palmieri.

I fatti

Per motivi ancora un fase di accertamento da parte di militari dell'arma, poco dopo le 3 della notte tra sabato e domenica, nella centralissima piazza cassinate, in quattro sono arrivati alle mani. Il tempestivo intervento delle forze dell'ordine ha fatto si che la situazione degenerasse. Due persone sono riuscite a fuggire mentre gli altri due fermati, ancora furiosi, hanno tentato di fare resistenza anche con i Carabinieri, tentando di divincolarsi per colpirsi ancora tra loro con pugni e calci fino a che venivano energicamente bloccati. Ad avere la peggio è stato il lituano che, soccorso dal personale dell'Ares, è stato trasportato al pronto soccorso.

La denuncia

I due giovani sono stati poi denunciati per rissa e resistenza a pubblico ufficiale in concorso, mentre il 33enne anche per lesioni personali. Proseguono le indagini per arrivare a dare un nome ed un volto agli altri protagonisti della rissa. Il problema di piazza Labriola quindi si è riproposto in tutta la sua interezza e molti residenti invocano maggiore controllo e l'installazione delle telecamere di video sorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento