Cassino, semina panico in città, va a casa e picchia madre e sorella: arrestato 44enne

Prima sfonda la porta d'ingresso della stazione con l'auto poi torna a casa e si scaglia sulle due donne, ieri sera l'uomo è finito in manette

È finito in manette dopo aver scatenato momenti di terrore, prima alla stazione di Cassino, poi nella sua abitazione dove se l'è presa con l'anziana madre e la sorella, prima di scagliarsi contro i carabinieri. Ieri sera C.V. 44enne del luogo è stato arrestato dai militari della sezione Radiomobile della locale Compagnia, per i reati di “resistenza a P.U., danneggiamento aggravato, percosse e minaccia aggravata”. L'uomo, già censito per i reati di ricettazione, detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e guida sotto l’influenza dell’alcool, ieri pomeriggio si è reso responsabile dello sfondamento della vetrata d’ingresso della stazione ferroviaria, ha tentato di penetrare all’interno con la propria autovettura, fuggendo subito dopo presso la propria abitazione situata nei pressi dello scalo ferroviario.

Una volta raggiunto il proprio appartamento, ha iniziato a picchiare la madre 85enne e la sorella 55enne, entrambe con lui conviventi e successivamente, in evidente stato di agitazione, si è affacciato al balcone dell’abitazione con intenti suicidi. 

Le urla dell’uomo attiravano l’attenzione dei passanti che contattando l’utenza “112”. Una  pattuglia è giunta immediatamente sul posto.

Alla vista dei militari l’esagitato ha inveito con frasi minacciose contro gli operanti e i suoi familiari, lanciando numerosi oggetti in vetro e barattoli di vernici in direzione della pattuglia della Sezione Radiomobile intervenuta, causavando il danneggiamento di alcuni veicoli parcheggiati sotto l’abitazione dell’uomo.

Dopo non poche difficoltà, il 44enne è stato convinto dai militari a desistere dall’insano gesto prima di essere bloccato. Successivamente l’uomo è stato affidato alle cure del personale del “118” giunto sul posto, che lo hanno trasportato all’Ospedale “Santa Scolastica” di Cassino, dove veniva ricoverato presso il reparto psichiatria.

Da una perquisizione domiciliare è stata rinvenuta una carabina a gas tipo Winchester marca Walther, calibro 4,5, munita di carica e colpi, la cui potenzialità è in corso di accertamento. L'arma è stata sequestrata unitamente ad un grosso coltello utilizzato per minacciare il vicino di casa.   

L’uomo stante i presupposti di legge, è stato quindi tratto in arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, piantonato presso il reparto di psichiatria in attesa del rito direttissimo, che verrà celebrato nelle prossime 48 ore. 

Potrebbe interessarti

  • Tecnici Acea tentano di entrare in una stradina privata, si mette di traverso con l’auto e li blocca

  • Pronto soccorso dello Spaziani: "un vero e proprio inferno". Aumentano disagi e polemiche

  • Cassino, 700 persone usano l’acqua pubblica ma non la pagano

  • Città in lutto per la morte dell'ex vice comandante dei vigili urbani Vincenzo Belfiore

I più letti della settimana

  • Precipita dal sesto piano dell'ospedale di Frosinone e muore

  • Muore dopo un volo di oltre 15 metri all'ospedale. Identificato l'uomo

  • Si ribaltano con l'auto mentre vanno al mare. Due ragazzi di Paliano in gravi condizioni

  • Bimbo di tre anni azzannato alla testa da un cane maremmano

  • Cassino-Pontercorvo, incidente in A1. Grosso tir va a sbattere sul guardrail e perde il carico (foto)

  • Ceprano, lei si rifiuta di avere rapporti sessuali e lui tenta di strangolarla

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento