Cassino, autolavaggio irregolare sequestrato dalla Polizia

Il titolare, un diciannovenne egiziano, è stato denunciato in Procura e multato

Dopo l’operazione “Gold Wash”, con la quale la Polizia di Stato ha disarticolato un sodalizio criminale intenzionato ad imporre con la violenza il controllo esclusivo nella gestione degli autolavaggi della Città Martire, gli uomini del Commissariato di Cassino, coordinati dal vice questore Alessandro Tocco con l'imput del questore Filippo Santarelli, non hanno mai abbassato la guardia, continuando a monitorare la situazione.

Nel mirino degli inquirenti è finito un altro autolavaggio, il cui titolare è un 19enne egiziano.

La struttura, sprovvista della necessaria autorizzazione comunale per lo scarico delle acque reflue provenienti dal servizio igienico e dall’impianto di depurazione, è stata posta sotto sequestro su disposizione del sostituto procuratore Marina Marra.

Inoltre è stato accertato che l’impianto di depurazione è ubicato ad una distanza inferiore rispetto a quanto previsto dalla normativa in materia di  vincoli paesaggistici, a cui è sottoposta l’intera area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento