rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Cassino

Cassino, una grata nella villa bunker per vendere droga, come a Secondigliano

I carabinieri del capitano Ivan Mastromanno hanno scoperto ed arrestato la coppia di pusher che per anni ha rifornito piccoli e grandi assuntori di sostanza stupefacente in zona

Una villa bunker inesistente anche sulla carta toponomastica. Una casa immersa nelle campagne ai confini tra Cassino e Cervaro, in località Gargano e dove, per mesi, hanno venduto piccoli e grandi quantitativi di droga, ai clienti. Una villa inaccessibile e fornita di una grata. Chi arrivava per comprare eroina era costretto a passare il danaro attraverso le sbarre e in cambio riceveva la dose.

Una difficile attività investigativa

I Carabinieri della Compagnia di Cassino e quelli del Norm sono riusciti ad incastrare una coppia di origini campane, Luigi Pesati e Patrizia Iovine, entrambi del 1975, grazie alla tenacia ed all'esperienza investigativa. Visto che non si era riusciti a trovare il modo per poter accedere alla casa blindata, i militari del capitano Ivan Mastromanno e del colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale, hanno adottato la tecnica della 'vedetta'. Hanno iniziato a fermare, in punti strategici, tutti coloro che dopo aver comprato droga dai due, facevano ritorno a casa.

Operazione 'White Forest'

L'ordinanza di custodia cautelare

Questa mattina gli investigatori dell'Arma hanno quindi dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Cassino, Salvatore Scalera su richiesta del sostituto procuratore Roberto Bulgarini Nomi, che ha disposto l'arresto per l'uomo e per la donna con l'ipotese di reato di 'detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, una grata nella villa bunker per vendere droga, come a Secondigliano

FrosinoneToday è in caricamento