Voto di scambio e liste elettorali con firme false, sei indagati e una perquisizione

Gli investigatori della Polizia Stato su delega della Procura di Cassino hanno acquisito documenti e carteggi in casa di un manager di un noto gruppo sanitario

Due indagini, sei indagati ed un unico comun denominatore: un presunto conflitto d'interesse tra una parte politica di Cassino e un'azienda che opera nel settore sanitario da decenni. La Procura di Cassino e la Polizia di Stato proseguono a passo spedito per fare piena luce su due presunti reati commessi durante la campagna elettorale per il rinnovo dell'Amministrazione nel giugno del 2019. Per questo motivo nella mattinata di oggi gli investigatori del commissariato di Cassino, su delega dei magistrati Roberto Bulgarini Nomi ed Emanuele De Franco, hanno passato al setaccio ufficio ed abitazione di un manager dipendente di un noto gruppo sanitario con sede a Cassino e in provincia di Caserta.

I nomi 'scottanti'

L'uomo, braccio destro fino a qualche mese fa dell'imprenditore a cui farebbe rifermento il Gruppo, è uno dei sei indagati delle due indagini. La prima riguarda una presunta corruzione commessa da un consigliere comunale di maggioranza, attualmente in carica con il beneplacito del giovane imprenditore. Entrambi risultano iscritti nel registro degli indagati ed entrambi sono personaggi di una certa notorietà in città. Nella vicenda è coinvolta, una terza persona, una donna, difesa dall'avvocato Francesco Malafronte, che però sarebbe anche parte lesa visto che grazie alla sua denuncia attraverso le telecamere di Tanfuk, la fortunata trasmissione social condotta da Giorgio Pistoia, ha dato il via alle indagini.

Le firme false

L'inchiesta sulla presunta corruzione ha dato il via ad una seconda indagine che vede invece coinvolti alcuni esponenti politici che avrebbero apposto firme false durante la raccolta. Firme necessarie ed indispensabili per la presentazione delle liste. In questo fascicolo spiccano oltre che il nome del manager anche nomi di personaggi noti in città sia per la loro posizione politica che lavorativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento