Castelliri, assolto camionista ciociaro grazie ad un'intuizione del suo avvocato

L'incidente risale al luglio del 2013 quando un medico di 40 anni, padre di cinque figli tutti in tenera età mentre si trovava in sella alla sua moto finì sotto le ruote del mezzo pesante

Un autotrasportatore di Castelliri di 60 anni, accusato di omicidio stradale, può tirare un sospiro di sollievo. Nelle ores scorse il giudice del tribunale di Roma lo ha assolto per non aver commesso il fatto. La vicenda risale al luglio del 2013 quando un medico di 40 anni, padre di cinque figli in sella alla sua moto di grossa cilindrata, proprio mentre stava percorrendo la strada Ostiense a Roma si andò a scontrare con il mezzo pesante guidato dal camionista ciociaro.

Il centauro morì dopo qualche ora a causa di un'emorragia cerebrale

Il corpo del centauro, dopo essere letteralmente volato sull’asfalto, era finito proprio sotto le ruote del mezzo pesante. Il centauro venne trasportato presso il policlinico Gemelli. Purtroppo le lesioni riportate nel drammatico sinistro non gli diedero scampo. L'uomo morì dopo qualche ora a causa di un'emorragia cerebrale. A seguito di tali fatti la magistratura aveva aperto un’inchiesta. L'autotrenista era finito sotto processo per omicidio stradale. 

Il giudice ha accolto la tesi dell'evitabilità

Ma nei giorni scorsi il consulente di parte Francesco Di Gennaro incaricato dall'avvocato difensore Vanessa D'Arpino di effettuare la perizia, ha sostenuto in aula che bisognava considerare il calcolo dell'evitabilità. Nello specifico anche se il camionista fosse andato a cinquanta chilometri l'ora non avrebbe potuto impedire l'impatto con la moto che aveva perso il controllo del mezzo rotolando per circa 37 metri prima di raggiungere la ruota posteriore sinistra del camion che sopraggiungeva nell'opposta corsia di marcia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento