Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Ceprano

Ceprano, botte ed insulti agli immigrati, al via gli interrogatori per i tre studenti universitari

Gli indagati sono accusati di minacce e lesioni finalizzati alla propaganda della discriminazione razziale. Sequestrati nelle loro abitazioni computer, mazze da baseball e coltelli

Verranno interrogati giovedì prossimo dal magistrato inquirente i tre studenti universitari residenti a Ceprano ritenuti responsabili di lesioni e danneggiamento con l’aggravante della discriminazione razziale ai danni di strutture di accoglienza e di cittadini stranieri. I tre giovani saranno rappresentati dall’avvocato Giuseppe Spaziani del foro di  Frosinone. Ancora non ci è dato sapere quale linea difensiva intenderà adottare il legale. Non è comunque escluso che possano avvalersi della facoltà di non rispondere.

Le segnalazioni delle cooperative

L’indagine, ricordiamo, era stata portata avanti dagli agenti della Digos e dalla squadra Mobile a seguito di segnalazioni da parte delle cooperative e sociali, che gestiscono l’accoglienza di cittadini extracomunitari. Questi ultimi avevano riferito alle forze dell’ordine che alcuni  stranieri erano stati aggrediti per strada da giovani a bordo di autovetture, e che erano stati oggetto di insulti a sfondo razziale.

Le perquisizioni nelle case  dei tre giovani 

Attraverso le perquisizioni gli investigatori hanno perquisito dei  computer, una mazza da baseball, un bastone fasciato con nastro isolante, due coltelli, e opuscoli di propaganda del “blocco studentesco”, questi ultimi ritrovati a casa di uno solo dei tre indagati.L’indagine  prosegue a ritmo serrato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceprano, botte ed insulti agli immigrati, al via gli interrogatori per i tre studenti universitari

FrosinoneToday è in caricamento