Cervaro, l'inciviltà regna sovrana: discarica a cielo aperto tra i boschi

In località Faio-Fontanarosa più volte sono intervenuti i Carabinieri Forestali che hanno sequestrato l'area poi bonificata dal Comune. Oggi l'ennesimo scempio

Un'area verde. Una strada di grande bellezza tra i boschi che è stata 'eletta' a discarica abusiva. Nonostante i tanti interventi dei Carabinieri Forestali e la bonifica del Comune. In queste settimane la zona Faio-Fontanarosa a Cervaro è tornata ad essere un luogo lercio e dall'odore nauseabondo. A denunciare la cosa è ancora una volta Andrea Esposito, giovane ambientalista che da tempo si batte per il rispetto delle regole in materia di ecologia.

Le segnalazioni

"Nonostante i miei tanti video, le segnalazioni ed i comunicati stampa sono rimasto inascoltato. Si continua a smaltire illecitamente ogni sorta di rifiuto in una zona di grande bellezza naturale - denuncia l'attivista - . Dopo tanto clamore, negli anni passati, abbiamo creduto di aver raggiunto un traguardo importante, in quanto una ditta specializzata aveva preso in considerazione la bonifica dell’area oggetto di una discarica abusiva a cielo aperto, nei pressi della zona Faio-Fontanarosa, ma, dopo una lunga attesa sono venuto a conoscenza che tale ditta non è in grado intervenire perché si tratta di rifiuti misti. C'è materiale di ogni genere sparso lungo il tratto stradale in entrambe le direzioni fino al punto da rendere difficile la percorrenza ai mezzi in transito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La videosorveglianza

"Sono anni che in quest’area si verificano questi atti incivili e nonostante sia stata posta più volte sotto sequestro e successivamente bonificata, ma ecco che a distanza qualche mese si è tornati al punto di partenza - prosegue Andrea Esposito -. Per questo chiedo che venga fatto di più perché la tutela dell’ambiente è fondamentale. Occorre installare un sistema di videosorveglianza che consentirebbe alla polizia locale di individuare e punire i trasgressori"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento