Cervaro, donna investita lungo la Casilina, fissata l'udienza per omicidio stradale

Il conducente della macchina che in località Medaglia d'Oro ha travolto ed ucciso una badante di 64 anni, dovrà presentasi dinanzi al Gup

l'avvocato Marandola

Fissata l'udienza preliminare per la morte della badante ucraina investita lo scorso gennaio lungo la statale Casilina in territorio di Cervaro e morta 3 giorni dopo presso il Policlinico Tor Vergata dove era stata trasportata a causa delle gravi ferite riportate. A seguito del tragico evento i familiari conferivano immediatamente incarico legale all'avvocato Paolo Marandola per chiarire tutti gli aspetti della complicata vicenda.

L'udienza

A distanza di 8 mesi, il Gip presso il Tribunale di Cassino ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal Pubblico Ministero dr. Emanuele De Franco ed ha fissato
l'udienza preliminare per il 18 novembre prossimo, giorno in cui dovrà comparire in aula il 64 enne di Cassino che era alla guida dell'auto. L'automobilista dovrà rispondere di omicidio colposo aggravato dall'inosservanza delle
norme sulla circolazione stradale.

Era al telefono

A seguito della conclusione delle indagini condotte dalla Polizia stradale e coordinate dal magistrato De Franco, che si è avvalso della consulenza dell'Ing. Lucio Pinchera per ricostruire la dinamica del sinistro, è emerso che l'incidente si è verificato per imprudenza, imperizia e negligenza dell'automobilista che non si avvedeva in tempo della presenza sulla carreggiata della povera donna, omettendo di frenare tempestivamente e di adottare tutte le manovre
necessarie per evitare l'impatto. Al 64enne viene inoltre contestato di aver utilizzato il proprio telefono cellulare mentre si trovava alla guida della propria macchina, come è risultato dall'analisi dei tabulati telefonici disposta dalla Procura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Processo a novembre

Il 18 novembre il Gup deciderà se rinviare a giudizio l'automobilista, mentre i familiari della
vittima, con il patrocinio dell'avvocato Paolo Marandola, potranno costituirsi parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento