menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cervaro, 'Malaffare', udienza dal Gup si torna in aula 2 luglio per la sentenza

A finire nel mirino della Procura e dei Carabinieri Forestali per un presunto giro di assunzioni facili e 'bustarelle' sono stati l'ex sindaco D'Aliesio, l'ex vice sindaco Canale, l'ex assessore Ricciardielli, l'ex tecnico Pucci e l'imprenditore Coratti

L'udienza preliminare a carico dell'ex sindaco di Cervaro, Angelo D'Aliesio e di altre quattro persone (gli ex assessori Canale e Riccardielli, l'imprenditore Coratti e l'ex responsabile dell'ufficio tecnico Pucci) è stata aggiornata al due luglio per la replica delle parti e per la sentenza.

Oggi in aula, davanti al Gup del tribunale Salvatore Scalera, il magistrato titolare dell'indagine 'Malaffare', il sostituto procuratore Emanuele De Franco, ha presentato degli importanti documenti acquisiti di recente e che riguarderebbero l'iter di assunzione di alcuni dipendenti. Il contenuto non è stato reso noto ma il Gup ha preferito aggiornare l'udienza proprio per aver modo di prenderne visione. Le indagini sono state portate avanti dai Carabinieri Forestali del Nipaaf di Frosinone coordinati dal maggiore Vito Antonio Masi

La difesa

Nel corso della stessa udienza hanno preso la parola gli avvocati di tutti gli indagati che ricordiamo devono rispondere a vario titolo dei reati di corruzione e turbativa d'asta. I legali Sandro Salera e Paolo Marandola, difensori di Angelo D'Aliesio, Gino Canale e Vincenzo Ricciardelli, e i colleghi Giuseppe Di Mascio e Giampiero, difensori di Enzo Pucci e Alfredo Coratti, nel loro intervento hanno chiesto il no luogo a procedere per gli imputati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento