menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo 'sfratto' di Trisulti, il consiglio di Stato dichiara illegittimo l'affidamento della Certosa a Steve Bannon, ex portavoce di Trump

Il millenario monastero benedettino non sarà mai sede della scuola di Sovranismo. La notizia diffusa dalla pagina social di Report, la trasmissione che dedicato alla vicenda un'inchiesta giornalistica poi sfociata un'indagine della Procura di Roma

Il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo l'affidamento dell'antica abbazia benedettina di Trisulti all'associazione Dignitatis Humanae Institute di Benjamin Harnwell, che progettava di aprire una scuola di sovranismo all'interno del millenario monastero incastonato tra i suggestivi boschi del nord della Ciociaria nel comune di Collepardo. 

A darne notizia è stata la pagina social di Report, il programma di approfondimento che un'inchiesta giornalistica ha portato alla luce la vicenda divenuta poi oggetto di un'indagine giudiziaria da parte della procura di Roma.

"Con l'inchiesta Tu vuo' fa' l'americano di Giorgio Mottola, Report aveva svelato tutte le irregolarità del bando pubblico con cui il ministero dei Beni Culturali aveva concesso la gestione e l'utilizzo della certosa medievale di Trisulti all'associazione ultracattolica nel cui direttivo siede Steve Bannon, ex capo stratega di Donald Trump - si legge nel post pubblicato da Report  -. La sentenza del Consiglio di Stato ribalta il pronunciamento precedente del Tar del Lazio che aveva dato ragione a Benjamin Harnwell. Nel frattempo va avanti l'inchiesta penale presso la Procura di Roma per frode e falso, partita dopo la puntata di Report'.

Sulla decisione del Consiglio di Stato è intervenuto anche Nicola Frantoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, che in questi anni ha supportato, con interrogazioni parlamentari e partecipando alle varie marce, la protesta delle comunità locali contro la decisione di affidare ad un’associazione legata a Bannon l’abbazia di Trisulti.

Il ricorso al Consiglio di Stato era stato presentato dopo la sentenza con cui il Tar di Latina, accogliendo il ricorso della Dignitatis Humanae Institute, aveva deciso di lasciare il monumento nazionale, vanto ed orgoglio tutto frusinate nelle mani dell’associazione fondamentalista cattolica che rappresenta il braccio politico italiano di Steve Bannon.

"Ora finalmente le comunità locali, le associazioni del territorio e lo Stato - prosegue il parlamentare della sinistra - potranno valorizzare questo splendido tesoro del passato nell’interesse della collettività. Grazie a coloro che non si sono arresi in questi anni,  al cui fianco abbiamo combattuto  in questi anni, in Parlamento e nelle strade di fronte ad un’associazione che non aveva i requisiti per poter prendere possesso di un tale bene. Sono loro che oggi vincono questa battaglia riaffermando la centralità del bene comune  e della legalità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento