Cori, costituito il Gal dei Monti Lepini Tommaso Conti eletto presidente

Dopo un lungo lavoro di concertazione è stato costituito, lo scorso giovedì 13 aprile, il GAL dei MONTI LEPINI che include i Comuni di: Artena, Rocca Massima, Cori, Norma, Bassiano, Sermoneta, Sezze, Roccagorga, Maenza, Patrica, Villa S. Stefano...

Gal Monti Lepini 5

Dopo un lungo lavoro di concertazione è stato costituito, lo scorso giovedì 13 aprile, il GAL dei MONTI LEPINI che include i Comuni di: Artena, Rocca Massima, Cori, Norma, Bassiano, Sermoneta, Sezze, Roccagorga, Maenza, Patrica, Villa S. Stefano, Giuliano di Roma, Amaseno, Carpineto Romano, Gorga, Gavignano, Segni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il GAL dei Monti Lepini, così costituito, può ora candidarsi al Bando della Regione Lazio per la selezione delle proposte di Piano di Sviluppo Locale che dovranno essere elaborate e presentate entro il prossimo 31 maggio. Si è trattato di uno sforzo complesso e faticoso che ha visto impegnati in un serrato confronto tutti i Sindaci del territorio e la Compagnia dei Lepini insieme alle associazioni delle categorie economiche, le forze sociali, la Fondazione Caetani e varie associazioni e cooperative dell’area. Il risultato raggiunto è particolarmente significativo anche perché è l’esito positivo di un confronto intenso tra due proposte alternative di aggregazione territoriale ottenuto grazie all’impegno e alla responsabilità di tutti i soggetti coinvolti. La scelta finale privilegia l’unità territoriale e l’affermazione definitiva dei Monti Lepini quale matrice strategica per lo sviluppo locale ulteriormente rafforzata dalla convinta ed entusiastica adesione dei Comuni, dell’area, situati nella provincia di Frosinone. D’altronde la prospettiva del GAL dei MONTI LEPINI nasce già nel Piano di sviluppo ‘Destinazione Lepini’ elaborato dalla Compagnia dei Lepini e approvato da tutti Sindaci e dal Presidente della Regione Zingaretti nell’incontro pubblico del 3 giugno del 2015 a Sezze e riconfermata, successivamente, nel Piano delle Attività della società approvato dall’Assemblea nel luglio del 2015. L’Assemblea costitutiva del GAL dei Monti Lepini ha eletto unanimemente il Sindaco di Cori, Tommaso Conti, presidente del Consiglio di Amministrazione, sottolineandone le qualità di amministratore locale e il meritevole impegno profuso sui temi della valorizzazione delle tradizioni e tipicità della città di Cori. Sono stati eletti Consiglieri: Alfredo Spigone, giornalista e animatore culturale della città di Segni, per la parte pubblica; Tommaso Agnoni, vicepresidente della Fondazione Caetani, Antonello Testa direttore del CNA e Roberta Savelli dirigente della Confederazione Italiana Agricoltori di Latina, per la parte dei privati. Ora il GAL dei Monti Lepini dovrà avviare, con la massima rapidità, il processo per la selezione dei progettisti del Piano di Sviluppo Locale e dare inizio alle attività di incontro, confronto e animazione pubblica in ciascuno dei Comuni coinvolti entro la scadenza indicata dal bando regionale. Per il neo Presidente Tommaso Conti “questa è forse l’ultima opportunità che ci viene offerta dai Fondi strutturali Europei ed abbiamo il dovere di non lasciarla sfuggire. Il territorio dei Monti Lepini, così composto, può essere concorrenziale con quei territori che siamo abituati a decantare della Toscana, dell’Umbria o delle Marche. Abbiamo pregiate risorse ambientali, un grande patrimonio storico e culturale, capacità produttive in settori importanti quali il vino e l’olio che stanno iniziando a conquistare importanti successi, e molto altro ancora che ci può fare ben sperare per il futuro. Ma il più grande significato di questa iniziativa sta nel costruire, per i nostri giovani e per quelli che verranno domani, una nuova prospettiva di sviluppo che li faccia sentire pienamente consapevoli di appartenere ad un territorio che può soddisfare e appagare pienamente i loro bisogni.” Per il Presidente della Compagnia dei Lepini Quirino Briganti, che si è ampiamente prodigato per questa iniziativa “Il GAL dei Monti Lepini rappresenta un importantissimo passo in avanti del territorio sulla strada dello sviluppo locale. Con i fondi della misura Leader, che il GAL si candida a conquistare, e con il nuovo Piano di Sviluppo Locale possiamo potenziare il sistema produttivo dei Monti Lepini, aumentare il PIL e aumentare i livelli dell’occupazione locale. Questi sono gli obiettivi che sono indicati dall’Europa e confermati dalla Regione Lazio e che noi dobbiamo fortemente perseguire. Ma il GAL è anche uno strumento di partecipazione tra soggetti pubblici e privati che consente di sviluppare sinergie, di trovare equilibri efficienti tra interessi diversi, di condividere e potenziare le strategie di sviluppo e di migliorare le capacità di cooperazione territoriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, muore in ospedale Massimo Santoro della storica gelateria “Bandiera Blu” di Colleferro

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento