Da Cori a Milano, il setter inglese salvato in un dirupo si è rimesso in gran forma ed ha trovato una splendida famiglia

Una nuova casa per Jerry. Da Cori (LT) a Milano, passando per Minerbio (BO). Il setter inglese salvato in un dirupo 5 mesi e mezzo fa si è rimesso in gran forma ed ha trovato una splendida famiglia  che si prenderà cura di lui nel capoluogo...

jerry e la sua nuova famiglia di Milano

Una nuova casa per Jerry. Da Cori (LT) a Milano, passando per Minerbio (BO).

Il setter inglese salvato in un dirupo 5 mesi e mezzo fa si è rimesso in gran forma ed ha trovato una splendida famiglia che si prenderà cura di lui nel capoluogo lombardo.

Ricordate Jerry? L’anziano setter inglese da caccia gettato in un fosso e salvato da un’avvincente staffetta di solidarietà, dopo aver resistito almeno due giorni ferito, al freddo e senza cibo? Non solo si è rimesso in piedi e in gran forma, ma ha trovato anche una nuova casa a Milano, grazie alla generosità della signora Ilaria Franchina che ha deciso di adottarlo.

Era il 18 Febbraio quando intorno alle ore 17 il Comandante della Polizia Locale di Cori, Cap. Alessandro Cartelli, e il signor Costantino Paniccia, su segnalazione della signora Patrizia Turco, si calarono dentro il Fosso Smerdino, un dirupo alto una decina di metri al confine tra Cori e Cisterna, sul cui fondo era accasciato Jerry, visibilmente denutrito e con un femore rotto.

Dopo le prime cure della dott.ssa Margerita Milanini presso l’ambulatorio veterinario di Cori ‘Duovet’, Jerry era stato trasferito nella clinica veterinaria di Cisterna dalla ASL di Latina, prima di trovare ospitalità nella Tenuta del Mito di Minerbio, nel bolognese, tramite la Presidente dell’Italian Setter Rescue ONLUS, Flavia Guagnelli.

48 ore dopo lo stesso Cap. Cartelli aveva accompagnato Jerry in auto per 800 km fino al rifugio per cani abbandonati, accolto dalla titolare Francesca Trebbi. Qui Jerry è rimasto per oltre 5 mesi, ricevendo tutte le attenzioni necessarie a riprendersi. Il suo primo padrone, che lo aveva regolarmente ceduto ad un altro cacciatore, ha contribuito alle spese.

Questa bella storia a lieto fine non è l’unica che la Municipale di Cori ha scritto o ha contribuito a scrivere, a conferma del suo efficace impegno anche nelle attività di polizia veterinaria. Solo negli ultimi tre anni il Comando della Polizia Locale di Cori ha concorso all’adozione di una quarantina di cani abbandonati, spesso sottratti ad un crudele destino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ultimo salvataggio nemmeno un mese fa. Gli agenti di Cori hanno partecipato alla liberazione di Gaia, giovane meticcia chiusa in casa a Giulianello da oltre una settimana, al caldo torrido, con una bacinella d’acqua sporca e in pessime condizioni igieniche. Ora è in custodia a Latina, in attesa che anche per lei si possa concretizzare lo stesso gioioso finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento