rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'indagine / Fontechiari

Scarichi fuori legge, sequestrato il depuratore Acea. Indaga la Procura di Cassino

Posti sigilli all'impianto di Fontechiari. Il magistrato Alfredo Mattei ed i Carabinieri Forestali, hanno riscontrato gravi irregolarità nello scarico delle acque. Due responsabili di area denunciati

Sequestrato il depuratore Acea nel comune di Fontechiari (Frosinone) e denunciati due responsabili di area. Il provvedimento a firma del sostituto procuratore Alfredo Mattei rientra in una delicata indagini che da mesi vede interessati i carabinieri forestali del Nipaf di Frosinone e la Procura di Cassino. I sigilli sono stati applicati perchè i sopralluoghi effettuati hanno evidenziato il malfunzionamento dell'impianto e la presenza di scarichi non a norma.

Ecco nel dettaglio cosa è successo

Dall’odierna mattinata i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo, emanato dal GIP presso il Tribunale di Cassino, su richiesta della competente Procura della Repubblica di cassino, avente ad oggetto un depuratore sito nel sorano, per i reati ex art. 137 commi 5, 6 e 11 del Testo Unico dell’Ambiente.

In particolare le indagini hanno accertato come il depuratore tipo “Imhoff”, gestito da una nota società, scarichi i propri reflui al suolo, in assenza di regolare autorizzazione, come confermato anche da tecnici Arpa Lazio, in violazione dell’art. 137 comma 11 del D.Lgs. 152 del 2006 (Testo Unico dell’Ambiente). La società ha anche presentato una domanda di autorizzazione allo scarico delle acque reflue che, però, non presenta la specificità dello scarico, essenziale per una corretta definizione del procedimento amministrativo. Inoltre Arpa Lazio Sezione di Frosinone ha effettuato le analisi dei reflui scaricati direttamente sul suolo.

Ebbene gli esiti analitici relativi al campionamento di acque di scarico, eseguito dalla “tubazione proveniente dalla vasca di decantazione dell’impianto”, hanno evidenziato il superamento dei valori limite per i parametri BOD5, COD, Solidi sospesi totali, Fosforo Totale, Azoto Totale e Tensioattivi Totali, in contrasto con quanto stabilito nell’art. 101 del D.Lgs. 152 del 2006 (Testo Unico dell’Ambiente). È stato altresì riscontrato un valore di concentrazione del paramento Escherichia coli (790.000 UFC/100 ml) notevolmente superiore a 5.000 UFC/100 ml.

I responsabili della società sono stati denunciati per i reati ex art. 137 commi 5, 6 e 11 del Testo Unico dell’Ambiente, per aver gestito un depuratore che scarica reflui al suolo, con superamento dei limiti di legge previsti dal Testo Unico dell’Ambiente. Il GIP di Cassino ha così disposto il sequestro del depuratore, i cui reflui dovranno essere asportati dalla società tramite mezzi meccanici, evitando così che possano essere rilasciati sul terreno.

+++ articolo aggiornato alle 16.00 +++

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarichi fuori legge, sequestrato il depuratore Acea. Indaga la Procura di Cassino

FrosinoneToday è in caricamento