rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca

Detenuto aggredisce un medico e lo manda in ospedale

L'ennesimo episodio di violenza nel carcere di Frosinone. La denuncia arriva dalla Fns Cisl tramite il segretario Massimo Costantino

Il carcere di Frosinone torna al centro della cronaca con un altro brutto episodio avvenuto nelle ore scorse al suo interno e denunciato dal segretario regionale della Fns Cisl Massimo Costantino tramite una nota inviata alla stampa. Un detenuto ha aggredito un medico e lo ha mandato in ospedale. Solo qualche tempo fa all’interno del carcere c’era stato il violento episodio del colpo di pistola con l’arma che era entrata con un dronee che aveva fatto conoscere la situazione della casa di reclusione ciociara in tutta Italia.

“Apprendiamo che un detenuto, italiano, del carcere di Frosinone ha aggredito il dirigente sanitario. Purtroppo negli istituti si ripetono queste aggressioni nei confronti del personale di polizia penitenziaria, dei medici, degli infermieri e di altri operatori. Il dirigente medico ha dovuto far ricorso alle cure mediche, giunto in ospedale mediante ambulanza.

Quella di cui parliamo non è una emergenza annunciata, ma un endemico gravissimo problema che da troppo tempo non vede la politica, il Parlamento, volersene occupare come necessario. Gli ultimi due anni, fronteggiando una pandemia che ha colpito duramente anche all'interno dei penitenziari italiani, ha costretto tutto il sistema a stringere i denti e fronteggiare le enormi difficoltà del sistema. Ma il personale appare allo stremo con una dotazione di polizia penitenziaria in ambito nazionale insufficiente numericamente, con mezzi e strumenti spesso inadeguati e strutture vetuste che necessitano di ingenti investimenti di manutenzione straordinaria o di complete ristrutturazioni. Così non è possibile andare avanti e la Fns Cisl Lazio lancia l'ennesimo allarme”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto aggredisce un medico e lo manda in ospedale

FrosinoneToday è in caricamento