Dipendente del ministero trovato con 750 dosi di droga e banconote false

L'accusa di detenzione ai fini di spaccio edetenzione di denaro contraffatto

Ufficialmente svolgeva il lavoro di dipendente al Ministero della Difesa, ufficiosamente "arrotondava" lo stipendio con lo spaccio di droga. E proprio ieri, R.R. un cinquaseienne residente a Monte San Giovanni Campano è stato condannato ad un anno di reclusione (pena sospesa) per l'accusa di spaccio di droga perchè sorpreso con 750 dosi di hashish.

Senza precedenti penali

L'uomo difeso dagli avvocati Alessandro Loreti  e Carlo Coratti è stato giudicato con rito abbreviato. La storia risale al giugno scorso quando l'impiegato, che non aveva mai avuto in precedenza problemi con la giustizia, mentre stava percorrendo con la sua auto una stradina secondaria della città, era stato fermato dai carabinieri che già da tempo a seguito di segnalazioni, si erano messi sulle sue tracce.

Spaccio e detenzione di denaro contraffatto

Ed era stato lo stesso cinquantaseienne a consegnare loro 250 grammi di hashish dai quali erano state ricavate le 750 dosi che aveva nascosto in una rimessa adiacente alla sua abitazione. All'accusa di detenzione ai fini di spaccio si era aggiunta anche quella di detenzione di denaro contraffatto. I militari infatti, nella rimessa avevano rinvenuto oltre alla droga anche cinquanta banconote con tagli da 20 e da 50 rigorosamente false.

L'indulgenza del giudice

Nella  giornata di ieri si è celebrato il processo. Il pubblico ministero aveva chiesto quasi tre anni di carcere. Ma i difensori sono riusciti a sostenere che quello portato avanti dal loro assistito era da definire un piccolo spaccio. Tanto più che nella rimessa dove deteneva lo stupefacente non  era stato rinvenuto il materiale per il confezionamento delle dosi. Da qui l'indulgenza del giudice che lo ha condannato ad una  pena mite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento