"Le donazioni di privati sono prova delle carenze ormai visibili ad occhio nudo"

Il segretario provinciale di Forza Italia Ciacciarelli interviene sulle scelte amministrative avulse dalla realtà

Privati cittadini ed aziende, ai quali è necessario manifestare plauso e gratitudine, a cui ora si aggiungono addirittura dipendenti ospedalieri. Ebbene, i dipendenti della stessa Asl, già costretti a turni massacranti e ad operare in condizioni spesso critiche, ora si aggiungono alla lista dei benefattori.

Le richieste e le necessità dei cittadini

"Un' ulteriore prova delle carenze della sanità provinciale, di scelte amministrative - spiega Ciacciarelli - che appaiono avulse dalla realtà, poiché non corrispondono affatto alle reali esigenze delle strutture sanitarie presenti sul territorio e non soddisfano, nel contempo, le richieste e le necessità dei cittadini, penso soprattutto all'irrisolto problema delle emergenze urgenze di Anagni, è attestata dalle donazioni di privati, aspetto su cui mi sono già soffermato in passato. Nella delibera 1376 è attestato che un dipendente del pronto soccorso dell' ospedale Spaziani di Frosinone ha donato  al suo reparto tre misuratori elettronici di pressione arteriosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carenze azendale

Cosa si può dedurre da questo inequivocabile gesto di generosità? Ne emerge che la vita lavorativa nella prima linea fa letteralmente toccare con mano le carenze dell'azienda, carenze anche materiali, oltreche riguardanti l'organico, che si ripercuotono inevitabilmente sulla qualità del servizio offerto al paziente, carenze che il personale sanitario, medico e paramedico, è costretto a fronteggiare. Si tratta, pertanto, di una situazione precaria visibile ad occhio nudo, tangibile nelle ordinarie pratiche della quotidianità. Credo, a questo punto, che siamo al capolinea. I segnali che attestano di essere giunti ad un punto di non ritorno sono continui, provengono, come nel caso in oggetto, dallo stesso personale Asl. Mi chiedo come sia possibile continuare ad investire fondi in capitoli secondari in luogo di provvedere prontamente ad esigenze che sono  alla base dell'offerta sanitaria, mostrando cecità dinanzi agli inequivocabili segnali di allarme."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento