L'indagine

Boville e Torrice, bastava pagare per diventare cittadini italiani. Ne guai anche un dipendente comunale (video)

Questo quanto scoperto dall'operazione di polizia giudiziaria. 179 i cittadini stranieri aiutati dall'organizzazione criminale che ha incassato oltre 700 mila euro

La Squadra Mobile della Questura di Frosinone, sotto la direzione del Procuratore Capo Facente Funzione di Frosinone, Adolfo Coletta e del Sostituto Procurare Samuel Amari, ha portato a conclusione l'operazione denominata "Esodo brasiliano", riguardante alcuni Comuni della provincia di Frosinone.

Quanto scoperto dagli investigatori del questore Domenico Condelo e del vice questore Flavio Genovesi era finalizzato a favorire l'illegale permanenza sul territorio italiano di cittadini di nazionalità straniera allo scopo di far ottenere loro illecitamente dietro pagamento di ingenti somme di danaro e in tempi brevissimi e pressoché in assenza delle obbligatorie certificazioni il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis. 

Le indagini sono partire a seguito di alcune segnalazioni arrivate all'ufficio stranieri e sono state successivamente approfondite. Il fenomeno dell'immigrazione clandestina in provincia di Frosinone è stato più volte oggetto di importanti inchieste sfociate in arresti e condanne. 

La Polizia di Frosinone, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha deferito all’autorità giudiziaria un ufficiale di Stato Civile e d’Anagrafe in servizio nei Comuni di Boville Ernica e Torrice (Fr) ed il titolare di una Agenzia di intermediazione internazionale, resisi responsabili, in concorso continuato tra loro e con altri, dei reati di favoreggiamento della permanenza clandestina in Italia di numerosi cittadini brasiliani, violazione delle leggi sul rilascio della cittadinanza italiana, falsità ideologica in atti pubblici, omissione d’atti d’ufficio, atti contrari ai doveri d’ufficio, abuso d’ufficio, violazione dell’art.21 comma 2/ter legge n. 241 del 07.08.1990 relativa al mancato incasso dei diritti consolari quantificabili in almeno 51.000,00 Euro con conseguente danno erariale, il tutto a vantaggio di 179 cittadini stranieri.

L’attività d’indagine condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Frosinone, caratterizzata dall’analisi di numerosi documenti, alcuni dei quali oggetto di sequestro  presso i comuni di Boville Ernica e di Torrice (Fr), ha svelato l’esistenza, dal 2017 ad oggi, di un vero e proprio sistema finalizzato a favorire l’illegale permanenza sul territorio italiano di cittadini di nazionalità straniera allo scopo di far ottenere loro illecitamente, in tempi brevissimi e pressoché in assenza delle obbligatorie certificazioni e verifiche documentali necessarie, il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis dietro il pagamento di ingenti somme di denaro.

Dalle indagini condotte dai poliziotti è emersa la riconducibilità dell’attività in questione  ad una organizzazione transnazionale operante tra il Brasile, la Germania e l’Italia che, grazie alla compiacenza dell’Ufficiale di Stato Civile e Anagrafe deferito, ha incamerato negli anni rilevanti guadagni illeciti dai riconoscimenti delle cittadinanze iure sanguinis ottenuti in Italia; ad oggi il sodalizio criminale, a fronte di 179 procedimenti di cittadinanza italiana così definiti, risulta aver “fatturato” in soli tre anni una somma illecita superiore ai 700.000,00 euro.

L’operazione di P.G., che trae origine da un esposto pervenuto alla Procura della Repubblica di Frosinone, da parte dell’Ambasciatore italiano a Londra, è stata attuata dagli operanti con una metodologia d’indagine di genere tradizionale (lunghi servizi di osservazione e pedinamento, ascolto di numerosi testimoni, ecc.) unita allo studio e all’analisi della normativa di riferimento e della grande quantità di materiale documentale sequestrato dall’A.G.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boville e Torrice, bastava pagare per diventare cittadini italiani. Ne guai anche un dipendente comunale (video)
FrosinoneToday è in caricamento