Anagni, esplosione al supermercato Conad: venti persone si costituiscono parte civile

Una scintilla avvenuta nei sotterranei della struttura unita al gas aveva scatenato la deflagrazione, si era temuto veramente che si fosse consumata l'ennesima tragedia.

Il 19 novembre del  2015 ad Osteria della Fontana, e precisamente in località Finocchietto ad Anagni, si era temuto veramente che si fosse consumata l'ennesima tragedia.  

Fuga di gas

Il supermercato Conad ubicato lungo la piazza era stato distrutto da una improvvisa deflagrazione dovuta ad una fuga di gas metano. La motivazione? La società Sicet che si stava occupando di impiantare la banda larga aveva cominciato i lavori di scavo. Ma proprio a seguito di questi c'era stata la perforazione di una tubatura con la conseguente fuga del combustibile. Una  scintilla avvenuta nei sotterranei della struttura unita al gas aveva scatenato la deflagrazione. 

Registro degli indagati

Francesco Fraioli, legale rappresentante della  società "Sicet" e Patrizio Glisoni incaricato della messa in sicurezza dei lavori finirono sul registro degli indagati per disastro colposo. Il supermercato "Conad" era stato fortemente danneggiato, così come il negozio di articoli da regalo, il laboratorio di analisi il negozio di detersivi ubicati nelle vicinanze e i numerosi veicoli parcheggiati proprio davanti la struttura  I mezzi erano andati completamente  distrutti. Tra l'altro al momento della deflagrazione il supermercato pullulava di clienti. Molti di loro, fortunatamente, erano rimasti feriti lievemente.

La natura del boato

A transennare l'intera zona i vigili del fuoco intervenuti al disastro. E proprio dagli scavi effettuati per cercare di capire la natura di quel boato, era   emerso che una tubatura del gas riportava una evidente foratura. Da qui la richiesta di rinvio a giudizio per i due dipendenti della "Sicet". Ieri mattina in sede di udienza preliminare venti persone si sono costituite parte civile.

La decisione del giudice

Nel collegio difensivo gli avvocati Riccardo Masecchia, Alessia Maggi e Angelo Galanti. Nel corso dell’udienza gli avvocati di parte civile hanno sollevato una serie di eccezioni. Per tale motivo il giudice ha deciso di pronunciarsi il prossimo 24 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Alatri, Giancarlo Straccamore trovato morto nella sua abitazione

  • Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

  • Buone notizie per l’ospedale di Frosinone, ostetricia e ginecologia premiati con due bollini rosa

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento