"Dammi i tuoi soldi e ti faccio diventare ricco", ecco come un falso promotore ha truffato 11 persone

L'uomo, scoperto dalla Guardia di Finanza, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino unitamente a tre complici dopo aver fatto sparire oltre 220 mila euro

Un'indagine avviata grazie alla lungimiranza di alcuni cittadini che hanno scoperto il metodo truffaldino che uno pseudo promotore finanziario attuava nei confronti di ignari ed ingenui risparmiatori. Due anni di investigazioni e verifiche da parte della Guardia di Finanza di Cassino e il falso promotore finanziario, residente in un paese della Valle dei Santi, è stato denunciato unitamente ad altri tre complici. Undici le persone raggirate e che hanno consegnato, con la promessa di 'incassi astronomici' grazie a presunti investimenti finanziaria, la somma di 220.000 euro.

Il modus operandi

Nel corso delle indagini, infatti, è stato rilevato che il falso promotore finanziario, approfittando dei rapporti di conoscenza e della credulità di propri concittadini, con la complicità di un consulente finanziario di un noto istituto di credito, si è fatto consegnare da propri conoscenti, somme di denaro oggetto di risparmio da investire in prodotti finanziari a elevato rendimento. I risparmi ricevuti, tuttavia, nella gran parte dei casi venivano distratti per fini personali e versati – nel caso di denaro contante – sul conto corrente intestato al coniuge del falso promotore finanziario, ovvero – nel caso di assegni bancari – monetizzati attraverso il titolare di un distributore di carburante compiacente.  Di fatto, solo una piccola parte del denaro ricevuto dagli ignari clienti veniva investito in prodotti finanziari che, comunque, non generavano l’elevato profitto promesso. 

Le vittime

Gli accertamenti hanno consentito di individuare 11 risparmiatori – pensionati e lavoratori dipendenti – caduti nelle grinfie del falso promotore finanziario, ai quali è stato sottratto, complessivamente, denaro destinato ad investimenti finanziari mai effettuati per un ammontare di 220 mila euro. Al termine delle indagini sono state segnalate alla Procura della Repubblica di Cassino quattro persone per i reati di associazione a delinquere, ricettazione, truffa ed esercizio abusiva di attività di consulente finanziario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento