Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Calci e pugni contro la moglie, in manette un albanese di 40 anni

A far scattare l'inaudita violenza sarebbe stato il rifiuto della donna di servigli un bicchiere di vino

Maltrattamenti in famiglia. Questa l'accusa che ha portato i carabinieri della stazione di Ferentino a far scattare le manette intorno ai polsi di un albanese di 40 anni. L'increscioso episodio si è verificato ieri sera intorno alle 23.30 in una abitazione alla periferia di Ferentino.  Secondo la prima ricostruzione dei fatti l'uomo si sarebbe avventato sulla moglie picchiandola con calci e pugni perchè non gli aveva voluto portare un bicchiere di vino. Non era la prima volta che la donna veniva percossa dal marito per futili motivi.

La richiesta d'aiuto

Proprio giovedì scorso, stanca di vivere di insulti minacce e botte, la coniuge, madre di due figli, si era rivolta al centro Antiviolenza di Frosinone. L'avvocato Sonia Sirizzotti, che opera all'interno del Centro, si è subito adoperata per cercarle un posto per accogliere lei ed i suoi due figli. Tornando all'aggressione le urla della signora ieri sera sono state udite dai vicini di casa che hanno chiamato il centralino del 112 per chiedere  l'intervento. Quando i militari sono intervenuti sul posto l'albanese stava ancora infierendo sulla moglie. Per lo straniero sono scattate le manette con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. Lunedì mattina   si terrà  presso il tribunale di Frosinone il processo per direttissima. L'uomo sarà rappresentato dall'avvocato Gabriella Sugamele del foro di Frosinone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni contro la moglie, in manette un albanese di 40 anni

FrosinoneToday è in caricamento