menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferentino, cresce la preoccupazione per la situazione ambientale

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: La questione ambientale in tutta la Valle del Sacco e specie nel territorio di Ferentino diventa sempre piu una tematica cruciale legata alla vivibilità dei cittadini e alla salvaguardia e tutela del territorio.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: La questione ambientale in tutta la Valle del Sacco e specie nel territorio di Ferentino diventa sempre piu una tematica cruciale legata alla vivibilità dei cittadini e alla salvaguardia e tutela del territorio.

Sono mesi che a Ferentino cittadini e associazioni sono uniti nella battaglia contro la prospettata installazione di un mega impianto di rifiuti da 50mila tonnellate nella zona Scalo. Inutile ricordare quanto sia gravemente dannoso aggiungere ulteriori elementi inquinanti in questo territorio, gia attraversato dal tristemente noto fiume Sacco e devastato da un inquinamento diffuso che mette a repentaglio non solo il territorio ma soprattutto la salute dei cittadini.

Gli stessi cittadini che si sono mobilitati in maniera massiccia dapprima con la raccolta firme alla petizione e alle osservazioni inviate agli uffici preposti di Provincia e Regione e poi con la straordinaria manifestazione del 7 giugno lungo le strade della zona Scalo/industriale in cui 4mila donne, uomini e bambini muniti di fischietti, manifesti, striscioni hanno sfilato per chiedere un'aria piu respirabile, un ambiente piu sano e una salute tutelata e non piu in pericolo. Evento che di certo non ha precedenti qui a Ferentino.

Dall'altra parte però la politica sembra rispondere ad intermittenza alle continue sollecitazioni dei cittadini. Il 23 aprile 2014 veniva approvato all'unanimità dal consiglio comunale il secco NO alla realizzazione di suddetto impianto di rifiuti. A tale importante atto si sono succedute una serie di prese di distanza miste a disinteresse di gran parte del consiglio e della giunta comunale. Consiglieri e assessori spesso assenti persino nelle assemblee pubbliche tenutesi. In questi giorni si torna a parlare di ambiente e di salute anche a causa dei miasmi nauseabondi che da tempo si diffondono in tutta la zona Scalo e in risposta ai quali l'Arpa e gli organismi di controllo preposti si sono limitati a confermarne l'esistenza senza però riuscire incredibilmente a scoprire la fonte. Oltre all'attesa nel mettere finalmente la parola fine alla vicenda dell'impianto di rifiuti si unisce dunque la preoccupazione per l'irrisolta questione dei miasmi. La situazione è evidentemente preoccupante e necessita di una discussione finalizzata ad azioni concrete da tenersi nei luoghi preposti. E' per questo che come associazione "Consulta per l' ambiente" di Ferentino chiediamo con forza un consiglio comunale aperto incentrato sulle questioni ambientali del territorio e in particolar modo sul prospettato impianto di rifiuti e sull'aria irrespirabile che si è costretti ad inalare.

Ci auguriamo che questa proposta sostenuta da tanti cittadini sia accolta urgentemente da tutto il consiglio comunale.

Stefano Gobbo, portavoce Consulta Ambiente Ferentino

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento