Ferentino, grande festa per i cento anni di Giuseppe Marocco

Il sindaco Antonio Pompeo e l'assessore Bacchi donano al centenario con una vita da romanzo una targa a nome della cittadinanza

Soldato. Partigiano. Muratore. Cuoco provetto. Appassionato giocatore di briscola e tressette. Non basterebbe un libro per raccontare i 100 anni di vita di Giuseppe Marocco, di Ferentino, festeggiati al pranzo di famiglia nell'agriturismo La Taverna dei nipoti Luca e Piero.

La sua vita

Classe 1917, Giuseppe a 17 anni lascia Ferentino per partire militare. Tornerà al paese soltanto nel 1945, a guerra finita. In quasi un decennio di peripezie, tra il Piemonte e il Veneto, vive esperienze drammatiche, soprattutto nel periodo vissuto da partigiano, col nome di battaglia di Firmino, in forza alla 41esima Brigata. Scontri con i tedeschi, la paura di non sopravvivere, ma anche tanta umanità e momenti di amicizia come quando, nelle giornate di tranquillità, cucinava pietanze e piatti con ingredienti di fortuna per i suoi compagni. Tornato a Ferentino, sposa Maria Giuseppa Pennacchia. Hanno quattro figli. Antonio, recentemente scomparso, Paolo, Giorgio e Franca che gli danno i nipoti Luca, Piero, Cristina, Andrea, Monica e Goffredo.

La festa

Alla festa dei 100 anni di Giuseppe, detto Peppe o Peppino, non mancava nessuno di loro. In prima fila anche i tanti pronipoti (il piccolo Lorenzo è l’ultimo arrivato) che lo circondano di affetto e tenerezze. Anche perché davvero Giuseppe le merita tutte. Ha un cuore grande, la battuta pronta e il sorriso sempre stampato sul viso. Una memoria lucida, ricordi vivissimi di tutte le avventure vissute in giro per l’Italia prima di rientrare a Ferentino dove poi, per tutta la vita, lavora nell’edilizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli auguri dell'amministrazione

Mi raccomando Giuseppe – dice nel suo saluto il sindaco Antonio Pompeo l’anno prossimo ci ritroviamo qui a spegnere una candelina in più”. Il sindaco e l’assessore comunale Luca Bacchi gli consegnano una targa ricordo a nome del consiglio comunale e della città. “Non sono un grande giocatore – gli dice Bacchi – ma verrò a trovarti a casa, uno di questi giorni, per fare una partita a scopa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento