Ferentino, molestie sessuali sulla figliastra di quattro anni, imprenditore finisce sotto processo

La squallida vicenda risale a tre anni fa quando la piccina, figlia di genitori separati era andata a casa del padre per trascorrere il fine settimana. E proprio in quell'occasione aveva raccontato al genitore di quei strani giochi che le faceva fare il patrigno quando stavano da soli

Violenza sessuale sulla figliastra di quattro anni, C.A. imprenditore di 35 anni residente a Ferentino rinviato a giudizio. La vicenda che ha coinvolto l’imprenditore in questa squallida storia risale a circa tre anni fa quando la piccina, figlia di genitori separati, si era recata a casa del padre per trascorrere il week end.

Il racconto sconvolgente

E proprio in uno dei fine settimana in cui la ragazzina si trovava con il padre, quest'ultima aveva iniziato ad avere atteggiamenti che avevano insospettito non poco l'uomo. La piccina, aveva iniziato ad usare un linguaggio che molto sovente, anche nel gioco, simulava un rapporto sessuale. Così il padre le aveva chiesto dove avesse visto fare quelle cose. La figlioletta con il candore tipico di quell'età aveva risposto che quei "giochi" li faceva  insieme al  nuovo marito della mamma  e che lo stesso spesso la toccava nelle zone intime.

La denuncia in caserma

Il genitore aveva subito fatto scattare la denuncia  presso la vicina caserma dei carabinieri. A conclusione dell'inchiesta  l'indagato è stato rinviato a giudizio con l'accusa di violenza sessuale. Da alcune informazioni raccolte sembra che, nel corso dell'incidente probatorio, la bambina avrebbe confermato quanto aveva raccontato al suo papà. Quella descrizione dei giochi erotici non sarebbe stato dunque frutto della sua fantasia.

Il processo

La prima udienza si terrà nei prossimi giorni. L'imputato, che ha sempre respinto ogni accusa, sostiene di essere vittima di una macchinazione ordita ai suoi danni. Spetterà adesso all'avvocato Eliseo De Francesco, suo difensore, smontare tutto il castello accusatorio  ai danni del suo assistito. Il padre della bambina si è costituito parte civile tramite l'avvocato Mario Cellitti del foro di Frosinone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Alatri, Giancarlo Straccamore trovato morto nella sua abitazione

  • Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

  • Buone notizie per l’ospedale di Frosinone, ostetricia e ginecologia premiati con due bollini rosa

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento