Filettino-Piglio, case abusive nel parco del Monti Simbruini. 15 persone denunciate

Dopo le indagini dei carabinieri sono state scoperte le violazioni. Ora dovranno rispondere di abusivismo edilizio

foto di archivio

Avevano costruito le loro case di “campagna” all’interno del Parco Naturale Regionale dell’Appennino “Monti Simbruini” nel comune di Filettino in zone sottoposte a vincoli, per questo motivo ben 15 persone (14 residenti nello stesso Filettino ed una a Piglio) sono state denunciate dai carabinieri della locale stazione per il reato di abusivismo edilizio. L’attività d’indagine era iniziava nell’estate dello scorso anno ed a dicembre aveva portato alla denuncia in stato di libertà di una persona del luogo per lo stesso reato. A seguito di tale denuncia, sono scaturiti ulteriori accertamenti delegati dalla competente Procura, conclusi nella giornata di ieri con il deferimento delle citate persone.

I manufatti abusivi

In particolare, i predetti hanno realizzato nel corso degli anni, a partire dal 1999 ad oggi, dei manufatti in muratura, ferro e lamiere senza autorizzazione a costruire e senza nulla osta o autorizzazione relativi ai vincoli paesaggistici ed idrogeologici cui è soggetta l’area interessata, nonché senza il rilascio del nulla osta sismico, in quanto zona ricadente nell’area del Parco Naturale Regionale dell’Appennino “Monti Simbruini”.

L'ordinanza del comune 

Il comune di Filettino a tutela della pubblica incolumità e della sicurezza urbana, ha emesso, quindi, un’ordinanza di interdizione all’area sia per il transito che per l’utilizzo, concedendo agli interessati 30 giorni per lo sgombero ed emettendo ordinanze di demolizione dei manufatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste le 15 persone deferite si identificano in: un 52enne già censito per analogo reato, reati ambientali, furto, oltraggio, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale. Un 48enne, già censito per reati in materia edilizia. Una 67enne,  già censita per omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro. Un 65enne, incensurato. Un 41enne, incensurato: Un 57enne, già censito per falso, danneggiamento e reati in materia edilizia. Un 55enne, già censito per reati contro la persona. Un 49enne, già censito per reati ambientali. Un 66enne, già censito per reati in materia edilizia. Un 55enne, incensurato. Un 49enne, incensurato. Un 60enne, già censito per diffamazione, danneggiamento, furto ed avvisato orale. Un 64enne, incensurato. Un 56enne, incensurato. Un 74enne, incensurato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento