rotate-mobile
Cronaca Sora

Si fingono acquirenti ed incastrano due fratelli spacciatori con oltre un kg di droga

Oltre alla sostanza stupefacente sono stati trovati impossesso anche di oltre 1100 euro in contanti

Due carabinieri in borghese si sono finti “clienti” ed hanno tentano l’approccio per acquistare della droga ma cosi facendo hanno fatto scattare l’operazione che ha portato all’arresto di due fratelli che oramai avevano messo su un notevole giro di spaccio di droga.

Stiamo parlando dell’epilogo di una attività info-investigativa finalizzata alla repressione del fenomeno  dello spaccio di sostanze stupefacenti  portata a termine, nella giornata di sabato 1 aprile, dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile in stretta collaborazione con i colleghi delle Stazioni Carabinieri di Alvito, Casalvieri e San Donato Val Comino, che ha portato all’arresto di due fratelli, rispettivamente di 37 e 41 anni, residenti in un comune della Valle del Comino, già noti alle Forze dell’Ordine.

Tutto ha avuto inizio quando il più giovane dei fratelli,  fermo a bordo della sua auto, nel Comune di Vicalvi, in attesa di iniziare la sua giornata di spaccio, non si aspettava che al posto dei primi clienti, a fargli visita, erano propri i Carabinieri i quali da un controllo e perquisizione, rinvenivano sulla persona e in auto, un pezzo di hashish del peso di 13 grammi messo sottovuoto e 4 “palline” termosaldate contenente cocaina del grammo totale di 2,5, pronti per lo spaccio e materiale vario per il confezionamento.

Da qui, in collaborazione con tutti gli altri militari, hanno proceduto a perquisizioni domiciliari multiple in contemporanea, presso due distinte abitazioni che il 37enne frequentava, ovvero ad Atina (Fr) e Gallinaro (Fr), e proprio in quest’ultima, usata in condivisone dai propri genitori, estranei ai fatti, e dal fratello maggiore, che veniva rinvenuto 1 kg di hashish, suddiviso in panetti e imbustati sottovuoto e circa 50 gr. di cocaina e la somma in contanti di € 1150,00 suddivisi in vari tagli, probabile proventi dell’attività di spaccio e alcuni libri mastri dove erano annotati cifre e date.  Il materiale rinvenuto era ben nascosto nelle rispettive camere da letto dei due fratelli, oltre al quale veniva rinvenuto anche tutto il materiale usato per il confezionamento ed anche due proiettili per armi comuni da sparo cal. 7,62.

Al termine delle operazioni i due fratelli sono stati sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mentre, la sostanza stupefacente, il danaro, il materiale per la suddivisione in dosi, alcuni cellulari e i proiettili sottoposti a sequestro, il tutto al vaglio della magistratura inquirente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fingono acquirenti ed incastrano due fratelli spacciatori con oltre un kg di droga

FrosinoneToday è in caricamento