Picchiava di continuo la moglie. 39enne ciociaro condannato ad un anno e mezzo di carcere

In questi giorni è arrivata la sentenza di condanna per l'uomo residente a Fiuggi che dopo l'allontanamento dalla famiglia ha continuato a minacciare la donna al telefono

Maltrattamenti in famiglia manovale di 39 anni residente a Fiuggi condannato dai giudici del tribunale di Frosinone ad un anno e sei mesi di reclusione da scontare in carcere. La vicenda che ha  trascinato alla sbarra F.C. che abitava con la moglie nella città termale,risale a qualche tempo fa.

La denuncia

La donna stanca di essere picchiata e minacciata dal marito, tramite i suoi legali difensori Pierluigi Taglienti e Carmela Costanza aveva presentato denuncia alla procura. Per evitare che l'uomo potesse ancora nuocere alla moglie ed ai suoi due bambini che sistematicamente assistevano a scene di violenza, il giudice aveva emanato un provvedimento di divieto  di avvicinarsi alla coniuge.

Il mancato rispetto del divieto e la condanna

Ma quest'ultimo, trasgredendo tale disposizione, era stato arrestato. Successivamente aveva beneficiato dei domiciliari. Tramite telefono aveva continuato a minacciare e ad insultare la donna. Un comportamento che ha fortemente penalizzato il manovale che è stato condannato per il reato di maltrattamenti in famiglia ad un anno e mezzo di carcere. La vittima che si è costituita parte civile ha chiesto un risarcimento danni da quantificarsi in sede civile. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento