Cronaca Fiuggi

Fiuggi, al via "Terra nostra sapori da salvare" con la montagna protagonista

Sagra della Castagna, pane olio e vino, show cooking e tanto altro attendono i cittadini nella citta termale

E’ partita a Fiuggi, presso la Fonte Anticolana, la manifestazione "Terra nostra”  sapori da salvare dedicata ai prodotti da salvare con le eccellenze della comunità Montana del Lazio e, appunto, con “La Montagna Protagonista” organizzata dall’UNCEM. All’interno di questa iniziativa ci sarà La Sagra della Castagna, Pane Olio e Vino, Show Cooking, viaggio nel buon gusto e museo storico della civiltà contadina. Convegni sulla montagna e tanti spettacoli musicali tutte le sere per restare nel tendone.

La conferenza di presentazione 

In occasione dell’inaugurazione di questa iniziativa che ha visto la partecipazione del Commissario della città di Fiuggi  Dott. Tarricone, del Consigliere  Regionale Mario Abbruzzese, del Presidente della XII Comunità Montana nonché presidente Regionale dell’Uncem Achille Bellucci e delle rappresentanze di tutte le comunità montane del Lazio e dell’Avv. Gianfranco Schietroma si è svolta la conferenza stampa di presentazione di queste due importanti manifestazioni ed intanto Fiuggi sta organizzando un natale con i fiocchi. 

Il commissario Tarricone

Presentati dal collega Tonino Ricci il commissario Tarricone ha evidenziato le opportunità che si stanno offrendo con questa iniziativa e con le altre svoltesi in precedenza.

Presentata la proposta di legge sulla montagna
 

Achille Bellucci  dopo aver spiegato cos’è l’Uncem (sindacato delle Comunità montane del Lazio)  ha spiegato che: “ci siamo inseriti per due motivi: perché i piccoli comuni sono stati abbandonati. C'è una forte carenza di organico e sono stati  depotenziati gli enti  e le Comunità Montane. Questo è un momento particolare e oggi due convegni per evidenziare le difficoltà che si stanno vivendo”. A breve ci sarà una proposta di legge regionale. Vogliamo così far conoscere le potenzialità Montane, per farle uscire dall’isolamento”.

Per Abbruzzese l'agricoltura non segna la crisi

L’on. Mario Abbruzzese“Una fiera che mette in risalto le qualità del nostro paese e della nostra Regione, dobbiamo lavorare perché  è un’economia macro alimentare che occupa uno spazio importante. Una economia che non sta segnando una crisi ma bensì il rilancio. Dobbiamo ringraziare il parlamento che approvato  una legge per la salvaguardia dei piccoli comuni, che hanno una tipicità particolare e l’Europa come momento di pianificazione e La Regione che ha stanziato 500 milioni e altri 20 milioni per le piccole imprese e noi abbiamo il dovere di lavorare su un prodotto straordinario. Le nostre imprese  agricole  e non partono con uno  svantaggio sull’energia e sulla rete Veloce di collegamento con Roma. Se non controlliamo la fonte primaria, difficilmente potremmo parlare al mondo del nostro settore economico agro-alimentare. L’agricoltore è l’unico settore che può garantire lo sviluppo. Anche il tema della montagna deve rappresentare un valore, si deve rimodulare la gestione con i guardiani della montagna con la difesa dell’ambiente”

Schietroma cambiamento degli uomini in politica e più turismo

L’avv. Gianfranco Schietroma quando era Consigliere Regionale fece stanziare 10 miliardi di vecchie lire, utilizzate per oltre 25 anni, poiché finalmente sta andando in porto il palaterme lamellare per circa 1.800 posti.  
“Poiché siamo alla vigilia delle elezioni regionali e nazionali mi auguro che ci sia un forte cambiamento a tutti i livelli e non dobbiamo avere paura del cambiamento perché si devono riformare le strutture e gli uomini , io ritengo che il nostro paese ha l’80 percento dei beni culturali, ecco perché si deve puntare sul turismo  e quindi  la valorizzazione delle attività turistiche. Ci vogliono scelte politiche chiare, perché siamo al 30 posto con il turismo nel mondo. Ci sono tante categoria di turismo che vanno organizzate in modo sinergico. Ritengo sia la strada e quindi Fiuggi può avere un grande fetta” . Inoltre, ha chiesto la trasformazione della struttura, dove si stava svolgendo la conferenza, che sia trasformata in lamellare dai privati per avere ancora più spazio per sviluppare la città.

Gli espositori

Presenti alla manifestazione anche le forze dell’ordine: carabinieri, guardia di finanza e polizia di Stato nonché i gruppi folkloristici di Acuto e Sgurgola che hanno intrattenuto con il saltarello ciociaro i pochi presenti, nella speranza di vederli aumentare oggi e domani con gli spettacoli e soprattutto con le castagne a volontà, il frutto di stagione. All’interno tanti stand con prodotti agricoli, della montagna e non e tante specialità alimentari da scoprire, con la Valle di Comino, Del Liri, Dell’Aniene, di Amatrice, Cesanese del Piglio e tante altre prelibatezze delle nostre terre.

Festa montagna fiuggi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiuggi, al via "Terra nostra sapori da salvare" con la montagna protagonista

FrosinoneToday è in caricamento