Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Frascati, in trecento a Villa Sciarra per il Festival antifascista

Quasi 300 le persone che ieri hanno partecipato al festival antifascista tenutasi a Villa Sciarra, parco adiacente al liceo classico Cicerone di Frascati. Un pomeriggio ricco di contenuti e all’insegna della festa, del divertimento, della buona...

Quasi 300 le persone che ieri hanno partecipato al festival antifascista tenutasi a Villa Sciarra, parco adiacente al liceo classico Cicerone di Frascati. Un pomeriggio ricco di contenuti e all'insegna della festa, del divertimento, della buona musica e dello stare insieme. L'evento ha avuto inizio alle ore 13:30 quando molti giovani, di tutte le età, sono affluiti per il ''pranzo sociale'', primo momento d'incontro incorniciato da musica di sottofondo. Più tardi, alle ore 15:00 ha avuto inizio il vero evento: dopo una veloce presentazione, si è dato inizio agli interventi all'ordine del giorno. Il primo è stato a cura dei ragazzi del collettivo di Genzano O.P.S. (Occupazioni Precari Studenti), che hanno esposto i rischi e pericoli dell'Inceneritore di Albano e non solo. Ha seguito unreading di Fabio Sebastiani, direttore e giornalista di controlacrisi.org, che ha letto dei passi da "La prima volta che ho incontrato i fascisti" esperimento di narrazione collettiva promosso e coordinato da Wu Ming.

Subito dopo è comincio il concerto. Si sono esibiti, in ordine, ''Iron Cave'', ''Corto Circuito'', ''MotherLine'' e ''PillowFight'', mentre fra un cambio gruppo e l'altro la già citata associazione O.P.S. ha fatto un ulteriore intervento sull'antifascismo. Alle ore 18.15 i ragazzi della rivista gratuita autofinanziata ''LASPRO'' si sono esibiti in uno 'spettacolo' sul tema accompagnato da due chitarre. A seguire e fino a fine serata (all'incirca verso le 20.00) i ragazzi del ''SensiTree Sound'' hanno dato il via ad una allegra dancehall di chiusura.

Hanno arricchito il tutto le esibizioni dei ''writers'' su appositi pannelli e la vendita di libri e magliette a tema. I partecipanti si sono detti molto soddisfatti dell'iniziativa, che mostra come sia presente nelle nostre zone un sentimento antifascista manifestatosi in maniera propositiva e costruttiva alla vigilia del ricordo della Liberazione italiana dalle forze nazi-fasciste, partendo proprio dai primi e diretti interessati di queste problematiche: i giovani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frascati, in trecento a Villa Sciarra per il Festival antifascista

FrosinoneToday è in caricamento