A otto anni abusato sessualmente dal nonno ma i genitori non credono ai suoi racconti

L'anziano che abitava in una casa nella periferia di Roma con la scusa di fare dei "giochi" lo costringeva ad avere rapporti anali e orali. Il 29 maggio prossimo verrà giudicato dai magistrati della Corte d'Appello

Violentato dal nonno quando aveva soltanto otto anni. E' la storia di Lorenzo (il nome è di fantasia per tutelarne l’anonimato) un bambino di Frosinone che sovente trascorreva le vacanze estive dal parente che abitava  in una cittadina alla periferia di Roma. 
L'anziano che all'epoca dei fatti aveva 67 anni, con la scusa di fare dei  "giochi" lo costringeva ad avere rapporti anali e orali. Per tre lunghi anni il ragazzino aveva subìto gli abusi sessuali da parte del nonno. 

Il racconto ai genitori

Ai genitori aveva raccontato quello che gli succedeva quando andava in vacanza  n quella casa nei pressi della capitale. Ma  i due coniugi pensando di avere un figlio con una fervida fantasia non gli avevano mai creduto. La storia della violenza sessuale viene fuori nel 2011, quando il padre di Lorenzo, separato dalla moglie, aveva iniziato una nuova convivenza con una donna già madre di un figlio di tredici anni. E ben presto, anche questo bambino diventa oggetto delle “attenzioni” del nonno adottivo.

L'altra violenza scoperta dalle insegnanti

Il ragazzino, che era riuscito a sfuggire a quell’abuso sessuale, aveva parlato in classe di quella brutta avventura vissuta a causa di quell’anziano, genitore del patrigno. Era stato a quel punto che le  insegnanti si erano rivolte ai servizi sociali per tutelare il tredicenne. Le indagini  che erano seguite avevano fatto scattare il rinvio a giudizio per il sessantasettenne.

La testimonianza davanti ai giudici

Gli inquirenti per avere un quadro chiaro della situazione avevano ascoltato anche la  madre di Lorenzo, ex nuora dell'imputato,  la quale si era ricordata di quel racconto che gli aveva fatto il figlio quando aveva soltanto otto anni e a cui lei ed il marito non avevano dato peso. Per tale motivo anche Lorenzo era stato ascoltato dai magistrati. E proprio in quella occasione aveva raccontato di essere stato violentato dal nonno. Da qui l’avvio delle indagini anche sulle "attenzioni" che l'uomo aveva avuto nei confronti del nipote.

La difesa

Difeso dall’avvocato Bruno Giosuè Naso l’imputato era stato processato presso il tribunale di Tivoli per competenza.Il giovane, oggi maggiorenne, si è costituito parte ci vile tramite l'avvocato Antonio Orsini. In primo grado l’imputato  è stato condannato a cinque anni e mezzo di pena. Il 29 maggio prossimo verrà giudicato dai magistrati della Corte d'Appello di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento