Operazione "Firework" pene ridotte in Appello, ma soltanto di qualche mese

La vicenda che ha portato quindici persone sotto processo risale al dicembre di tre anni fa quando carabinieri e polizia fecero scattare un blitz all'interno di una palazzina del Casermone

Operazione Firework pene ridotte soltanto di qualche mese in Appello.  Gerardo Valenti (inizialmente condannato a 10 anni e quattro mesi) è stato condannato a nove anni, sei mesi e venti giorni, Mirko Valenti da 9 anni e dieci mesi pena ridotta a nove anni due mesi e venti giorni; Giampaolo Scuderi da 9 anni e due mesi è stato condannato a 8 anni mesi dieci e giorni venti; Omar Iaboni e Mirko Celani 4 anni dieci mesi e 20 giorni. Precedentemente avevano avuto cinque anni di pena Giuseppe Fiorillo, Giuseppe Liburdi e Marco Magliocchetti condannati a quattro anni e otto mesi. Yuri Celani, Vittorio di Maulo, Massimo Frattali, Gerardo Ruspantini, Alessandro Reffe, Antonio Scuderi, e Giovanni Scuderi sono stati condannati ad anni quattro, mesi cinque e dieci giorni di reclusione (precedentemente erano stati condannati a cinque anni). Nel collegio difensivo gli avvocati Eliana Scognamiglio, Vittorio Vitali, Marco Maietta e Tony Ceccarelli.

L'operazione antidroga

La vicenda che ha portato quindici imputati sotto processo risale al dicembre del 2016 a seguito di un'operazione antidroga messa in atto da carabinieri e polizia. L’operazione,era stata denominata ‘Fireworks’, proprio l’uso dell’organizzazione di ‘reclamizzare’ la vendita dello stupefacente attraverso l’accensione dei fuochi pirotecnici, visibili a distanza, per segnalare la disponibilità di droga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda malavitosa aveva realizzato un vero e proprio punto vendita all’interno di una delle scale di salita ai piani alti del Casermone, facendo in modo di blindare il portone per evitare sguardi indiscreti. Il come lo avevano definito gli investigatori, lavorava ad orario continuato. Tutti gli associati dovevano sottoporsi a turni lavorativi. Gli incassi giornalieri si aggiravano intorno ai quarantamila euro .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

  • Cassino, il primario del Pronto Soccorso sbotta: "Datevi una regolata"

  • Coronavirus, 147 nuovi casi in provincia di Frosinone. Positivo anche un dipendente comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento