Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

I carabinieri del comando provinciale hanno sequestrato 15 mila euro di contanti e circa sette chilogrammi di sostanza stupefacente (cocaina, hashish e marijuana). Misure cautelari di vario tipo per 23 persone residenti dal nord al sud della provincia di Frosinone  

Aggiornamento alle ore 12.30

Con il passare delle ore e con la conferenza stampa dei Carabinieri nella sede del comando provinciale di Frosinone emergono nuovi particolari sul maxi blitz di questa mattina che ha portato a 23 misure cautelari personali per uomini e donne residenti dal Nord della Ciociaria fino all’estremo sud. Di queste 5 persone sono finite in carcere, 8 agli arresti domiciliari (con il braccialetto elettronico), 7 con l’obbligo di dimora nel comune di residenza ed 1 nella provincia di Frosinone. Tre albanesi, destinatari sempre di misure cautelari restrittive in carcere ed ai domiciliari, sono irreperibili e ricercati.

L’operazione Amnesia, dal nome di una droga, è partita dalla denuncia di un imprenditore di Pofi, vittima di usura, che era stato minacciato insieme alla famiglia, preso a cinghiate e costretto a fare da corriere per l’organizzazione per estinguere un debito di droga.

A capo dell’organizzazione che per non farsi intercettare parlavano di taniche di benzina o di litri di birra a posto della droga che veniva interrata in campagna ed in terreni anonimi c’era il 32 enne albanese A. P. residente a Frosinone che veniva “coadiuvato” dai connazionali A.A. di 31 anni residente a Ferentino e A.C. domiciliato a Roma, D.T. di 33 anni residente a Frosinone e A.S. di 31 anni residente a Strangolagalli e dagli italiani C.R. 24 enne di Arnara e A. Z. 30 enne residente a Ceccano.   

I reati sono stati commessi sia autonomamente dai singoli indagati che “in concorso” e le zone d’azione abbracciavano sia i comuni della provincia frusinate, quali Alatri, Ferentino, Pontecorvo, Cassino, Arnara, Castro dei Volsci, Pofi, Ceccano, Ripi, Colfelice, San Giovanni Incarico, Arce e Ceprano, che quelli della zona sud di Roma, Olevano Romano (RM), nonché Cercola (NA) e Casoria (NA). Il profilo criminale e la pericolosità degli indiziati emergeva anche dai sistematici accorgimenti adottati per eludere i controlli da parte delle Forze dell’Ordine; il trasporto dello stupefacente, quando si trattava di ingenti quantitativi, avveniva con una staffetta di due autovetture di cui una precedeva la seconda per avvisare di eventuali posti di blocco, venivano utilizzati anche mezzi pubblici per confondersi con i passeggeri e cambiato spesso il luogo degli appuntamenti, oppure a luoghi convenzionali erano assegnavano nomi in codice sempre diversi, per confondere chi eventualmente li stesse intercettando.

La notizia inizia a diffondersi in mattinata

Mattinata movimentata a Frosinone con molti cittadini che sono stati svegliati dal rumore dell’elicottero dei carabinieri che dall’alto monitora la vasta operazione in corso da parte degli uomini del Comando Provinciale di Frosinone che sta dando esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di nr. 23 persone (6 ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di “detenzione, acquisto, trasporto e cessione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” ed “estorsione”).

L’attività investigativa, trae origine dalla denuncia per “usura” sporta da un imprenditore del luogo che, risultata non veritiera (l’uomo è tra i destinatari del provvedimento custodia in carcere) consentiva di portare alla luce un giro di spaccio e di sostanze stupefacenti – in genere di “hashish” e “marijuana” ma anche “cocaina” – da parte dei predetti indagati, di origine italiana e albanese, che interessa le provincie di Frosinone, Napoli e Roma: la droga acquistata, anche in quantitativi all’ordine di chilogrammi, veniva confezionata in singole dosi per essere ceduta ai numerosi assuntori, per un giro di oltre 300mila euro e un volume di stupefacente movimentato di circa Kg. 25 (venticinque).

Nel corso delle indagini sono state già tratte in arresto 7 (sette) persone in flagranza di reato, 5 (cinque) deferite in stato di libertà e 10 (dieci) assuntori segnalati all’Autorità Amministrativa (ex art. 75 DPR 309/1990), nonché il sequestro di 15mila euro di contanti e circa kg. 7 (sette) di sostanza stupefacente (cocaina, hashish e marijuana).

Per l’esecuzione del provvedimento e delle relative perquisizioni domiciliari sono impiegati oltre 100 militari del Comando Provinciale di Frosinone.

In aggiornamento

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

  • Ciclista ciociaro muore lungo la strada per Forca d'Acero

  • Coronavirus, bollettino 27 giugno: il Covid si riaffaccia in Ciociaria

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento