Cronaca

Pregiudicato beccato in giro per Frosinone con il braccialetto elettronico

È finito in carcere il 40 enne del posto che aveva fatto esplodere una bomba davanti ad un negozio

In giro con il braccialetto elettronico invece che a casa agli arresti domiciliari, cosi un pericoloso pregiudicato è stato tratto in arresto e portato in carcere. Nelle ore scorse i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Frosinone hanno tratto in arresto B.E., 40 enne del posto, in esecuzione dell’ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Il provvedimento è scaturito a causa delle plurime violazioni al regime cui il pregiudicato era sottoposto, opportunamente documentate e comunicate all’Autorità Giudiziaria dai militari operanti.

L’uomo, infatti, già era censito per reati inerenti gli stupefacenti, rapina aggravata, estorsione truffa ed altro, era già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico poiché, nel mese di luglio 2019, aveva fatto esplodere una bomba carta e provocato un incendio nei confronti di un’attività commerciale di Frosinone, minacciando e provocando lesioni personali al titolare ed ai familiari della medesima attività.

.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pregiudicato beccato in giro per Frosinone con il braccialetto elettronico

FrosinoneToday è in caricamento