Carabinieri minacciati con una pistola, arrestate due persone

I malviventi si sono dati alla fuga e dopo un lungo inseguimento sono stati catturati dagli uomini dell’Arma

Porto e detenzione di strumenti atti ad offendere, detenzione illecita di sostanze stupefacenti, violenza e resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale e lesioni personali. Per questi reati sono stati tratti in arresto G.P., 33enne del luogo, già censito per reati ambientali e F.M.D. 43enne di Reggio Calabria, già censito per reati associativi, contro la persona, il patrimonio e misure di prevenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’episodio

L'arresto è scattato a seguito di un servizio di controllo della circolazione stradale da parte dei militari di Ferentino e Supino. I carabinieri hanno intimato l'alt ad una Fiat 500 con a bordo due persone, tra queste il 33enne che, allo scopo di sottrarsi all’accertamento, ha effettuato una rapida inversione di marcia allontanandosi dal posto a velocità elevata. Immediatamente inseguiti e raggiunti dalla pattuglia, il veicolo in fuga invece di fermarsi ha tentato di speronare la pattuglia che è stata costretta ad invadere la corsia opposta, fortunatamente al  momento deserta, arrestandosi ai bordi della scarpata delimitante la sede stradale, mentre i fuggitivi sono riusciti a far perdere le proprie tracce. La Centrale Operativa del Comando Provinciale di Frosinone, allertata dagli operanti, ha inviato in ausilio le pattuglie del NORM della Compagnia di Anagni, delle Stazioni di Sgurgola e Supino, nonché l’elicottero del Nucleo Raggruppamento CC Aeromobili di Pratica di Mare. L’autovettura è stata rintracciata presso abitazione del 33enne che, al fine di evitare l’identificazione del complice e della perquisizione domiciliare, ha opposto resistenza ai carabinieri che tentavano di entrare nel suo appartamento. I militari sono stati minacciati dal 33enne con una rivoltella cal. 38 special, risultata carica e pronta all’uso, soltanto dopo una colluttazione, gli uomini della Benemerita sono riusciti a disarmarlo. Nella circostanza il complice, approfittando della situazione, è fuggito da una finestra nel tentativo di dileguarsi ma è stato prontamente inseguito e bloccato. Nel corso della perquisizione, oltre alla rivoltella, è stato trovato invenuto un fucile sovrapposto cal.12, un pugnale di genere proibito, ulteriori 9 cartucce cal.38s, 221 cartucce da caccia cal.12 a pallini, una cartuccia cal.7.65, grammi 50,00 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” ed un involucro contenente residui di “marjuana”. Tutto il materiale è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento