rotate-mobile
Cronaca

Cisl Frosinone, scatta l’inchiesta di Report sui distacchi sindacali di Legnante e Coppotelli

A segnalare “anomale aspettative non retribuite e assunzioni fittizie” è stato Pietro Maceroni, ex segretario della Federazione dei pensionati. Querelato per diffamazione, ha sporto denuncia alla Guardia di Finanza per falso e truffa aggravata all'Inps

Una delle ultime inchieste di Report, andata in onda nella serata di ieri lunedì 17 maggio 2021, ha coinvolto anche la Cisl di Frosinone. Nel mirino della trasmissione di Rai 3 condotta da Sigfrido Ranucci i distacchi sindacali di Pasquale Legnante (nel 2010) ed Enrico Coppotelli (nel 2011), l’uno attualmente segretario organizzativo provinciale e l’altro regionale. Stando a quanto denunciato alla Guardia di Finanza dall’ex segretario provinciale della Fnp Cisl Pietro Maceroni, celerebbero "anomale aspettative non retribuite e assunzioni fittizie". L’aspettativa sindacale non retribuita, riconosciuta dopo almeno sei mesi di lavoro effettivo, non è garantita a chi viene assunto successivamente.    

Maceroni: “Ho segnalato anomalie e sono stato denunciato per diffamazione”

Si parte dal commissariamento della Fnp Cisl Frosinone: la Federazione nazionale dei pensionati del territorio. L’ex segretario Pietro Maceroni aveva segnalato all’allora segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan che “c’erano delle anomalie su alcuni distacchi sindacali non retribuiti - riporta - e mi sono ritrovato una denuncia per diffamazione”. Si parla dei contributi figurativi accreditati dall’Inps.

Pietro Maceroni, ex segretario della Fnp Cisl Frosinone (PH Report - Rai 3)-2

Pasquale Legnante e la Gesa Srl: “Società immobiliare senza dipendenti”

Da qui la denuncia di Maceroni alla Guardia di Finanza, per falso e truffa aggravata ai danni dell’Istituto nazionale della previdenza sociale, a carico di Pasquale Legnante, attuale segretario organizzativo della Cisl di Frosinone. Quest’ultimo, stando a quanto denunciato, sarebbe stato assunto in modo fittizio nel 2010 dalla Gesa Srl (Gestione servizi aziendali), “una società immobiliare della Cisl - riporta l’inviata Claudia Di Pasquale - senza dipendenti”.

E a seguire, come preannunciato, sarebbe stato posto in aspettativa sindacale non retribuita. In un periodo in cui, come sottolineato da Maceroni, risultava avere altri incarichi: segretario della Fistel Cisl (Federazione informazione, spettacolo e telecomunicazioni), con funzioni anche a livello regionale. Da Legnante, alla richiesta di chiarimenti da parte di Report, nessuna risposta.

Pasquale Legnante, segretario organizzativo Cisl Frosinone-2

Enrico Coppotelli e la Immobilsind: “Zero dipendenti e sede a Cassino”

Per gli stessi potenziali reati, però, Maceroni ha denunciato anche Enrico Coppotelli: l’attuale segretario generale ciociaro della Cisl Lazio. Nel 2011, n base alla querela presentata alla GdF, anche lui sarebbe stato assunto fittiziamente dalla Immobilsind Srl, altra società immobiliare “con zero dipendenti e sede a Cassino - si evidenzia nel servizio - E in quel momento Coppotelli aveva già un incarico sindacale a livello provinciale e subito dopo ne riceveva un altro a Frosinone”. Era segretario organizzativo amministrativo, quando Maceroni era segretario generale della Cisl di Frosinone.

Enrico Coppotelli, segretario generale Cisl Lazio-2

Maceroni si chiede e domanda: “Come faceva a svolgere due attività?”

“Come faceva a svolgere due attività? - si chiede e domanda Maceroni - A tempo pieno, perché lavorava fianco a fianco con il sottoscritto e aveva l’ufficio a fianco al mio”. Quindi l’allora segretario, avendo richiesto lui stesso l’aspettativa sindacale per Coppotelli, era a conoscenza di tali avvenimenti. “E sulla responsabilità individuale delle persone - mette in chiaro Maceroni - è la magistratura che dovrà decidere”.

Coppotelli e l’appuntamento rinviato a data da destinarsi

“A circa dieci mesi dall’assunzione presso la Immobilsind, Enrico Coppotelli viene posto in aspettativa sindacale non retribuita - ricapitola l’inviata di Report - Significa che nel 2012 i suoi contributi sono figurativi, cioè vengono accreditati dall’Inps”. Lo stesso Coppotelli, ai microfoni di Report, ha confermato di essere assunto dalla società immobiliare e assicurato che avrebbe fissato un appuntamento tramite l’addetto stampa per riparlarne approfonditamente. “L’appuntamento, però, non è stato mai fissato”, lamenta la giornalista di Rai 3. A distanza di un mese, tornata a intervistarlo, si è sentita dire: “Le risponderò. Avremmo anche altre cose da fare probabilmente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisl Frosinone, scatta l’inchiesta di Report sui distacchi sindacali di Legnante e Coppotelli

FrosinoneToday è in caricamento