Coronavirus nelle carceri, detenuto incendia materasso in segno di protesta

Il Segretario Generale Aggiunto CISL FNS denuncia l'aumento dei casi negli istituti penitenziari e chiede alla Regione maggiori controlli sanitari

Non mancano i problemi nelle carceri laziali, ieri sera verso le 19.45 nella sezione adibita alla quarantena preventiva Covid nella prigione di Frosinone, un detenuto Italiano, proveniente dalla libertà da alcuni giorni, per protesta ha dato fuoco al materasso della propria stanza di pernottamento, procurando criticità nell'intera sezione detentiva.

Solo grazie alla professionalità dell'agente preposto alla Sezione, il quale tempestivamente ha messo in salvo il detenuto, si è evitato il peggio e le fiamme sono state domate prontamente.

La situazione nei carceri del Lazio: aumentano i casi di Covid

Ad oggi solo n. 03 protocolli locali quadro per la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lvoro in ordine all'emergenza sanitaria da Covid-19 risultano siglati tra Amministrazione Penitenziaria ed organizzazioni sindacali di Polizia Penitenziaria, nello specifico quello della CC Viterbo e quello Regionale e locale quadro di prevenzione e sicurezza del PRAP Lazio, Abruzzo e Molise, quest'ultimo nell'immediatezza della sottoscrizione di quello nazionale ha convocato immediatamente le rappresentanze sindacali, mentre si resta in attesa di sottoscrivere quello della CC Velletri e CR e 3 ^ Rebibbia, in quanto formalmente convocati, mentre per tutti i restanti 10 istituti della Regione Lazio , ad oggi, non hanno fatto pervenire alcuna informazione in merito.

Discorso a parte quello della Direzione Centro Giustizia Minorile del Lazio, Abruzzo e Molise , dove le OO.SS. seppur hanno sollecitato detto incontro, con urgenza, ma hanno preferito convocarci con calma, il 20 novembre, e ciò di fatto ritarderà di fatto la sottoscrizione di quelli locale , che per la Regione Lazio vede coinvolto l'istituto Minorile IPM Casal del Marmo.

Purtroppo l'evoluzione dell'epidemia da coronavirus vede aumentare i casi nelle carceri tra i nostri colleghi e colleghe - scrive Il Segretario Generale Aggiunto CISL FNS - il dato più significativo riguarda quello della Direzione CC Frosinone, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, CC Regina Coeli , Civitavecchia.

Occorre necessariamente che la Regione metta in campo ogni massimo sforzo per rafforzare i controlli sanitari nei nostri istituti penitenziari del Lazio, direttamente sui luoghi di Lavoro per il personale tutto, controlli che , come ci viene evidenziato, in ogni sede sono diversi rispetto alle ASL di competenza , mentre le Direzioni dalla loro parte devono sottoscrivere immediatamente tale protocollo quadro in sede locale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento