Lo spaccio di "erba" non conosce proibizioni, neanche quelle dei Decreti anti-Coronavirus

Ai domiciliari un pusher ciociaro, denunciato altresì assieme al conducente dell'auto per allontanamento ingiustificato dalle loro abitazioni. A casa del secondo, dopo la perquisizione, trovati marijuana e un cittadino albanese espulso da Frosinone

Era iniziato come uno degli ormai duemila controlli che le forze dell’ordine hanno già attuato sul territorio provinciale per contrastare le violazioni dei Decreti anti-Coronavirus. Tra le due persone a bordo dell’auto fermata nel Capoluogo dalla Squadra Mobile della Questura di Frosinone, però, il passeggero è sembrato sin da subito fin troppo agitato. Un comportamento che ha spinto i poliziotti ad effettuare un controllo più approfondito. Da lì in poi un succedersi di reati: un arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, due denunce per allontamento ingiustificato dalla propria abitazione e un deferimento per inosservanza del divieto di dimora, con conseguente ordine di abbandono del territorio nazionale.  

L'esito delle perquisizioni

In tasca al passeggero, un 40enne residente a Ripi, è stata trovata della marijuana e, dopo che la perquisizione è stata estesa alla sua abitazione, sono stati rinvenuti un quantitativo di 26 grammi di "erba" e strumenti per il taglio e il confezionamento delle dosi da spacciare. Una volta che gli agenti della Squadra Mobile si sono recati a casa del conducente dell'auto, invece, era presente un cittadino albanese su cui pendeva un divieto di dimora a Frosinone nonché un decreto di espulsione dall'Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le disposizioni finali   

Il 40enne di Ripi, oltre a essere denunciato per inosservanza dell'articolo 650 del Codice Penale al pari del conducente del veicolo, è stato posto agli arresti domiciliari. Il cittadino albanese, invece, è stato condotto presso l'Ufficio Immigrazione, dove gli è stato notificato il decreto di espulsione e l'ordine del Questore di Frosinone di abbandonare il territorio nazionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento