Presso il comando provinciale la festa della Finanza (foto)

La giornata di oggi è stata anche l'occasione per tracciare il bilancio delle numerose attività svolte in questi mesi

Il 22 giugno 2018, presso il Comando Provinciale di Frosinone, alla presenza delle  massime Autorità civili, militari e religiose della provincia, si è svolta la cerimonia celebrativa del 244° Anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza. Dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’ordine del giorno  speciale del Comandante Generale del Corpo, il Comandante Provinciale, Col. t.ST Luigi  Carbone, ha tenuto un breve intervento nel corso del quale ha descritto le rinnovate linee  strategiche del Corpo che hanno portato ad un progressivo miglioramento delle tecniche  d’indagine e ad un positivo riverbero sui risultati operativi ottenuti nel 2017 e nei primi cinque mesi del 2018.

Gli attestati

Nel corso della cerimonia si è proceduto alla consegna degli attestati di ricompensa  morale ad alcuni militari che si sono particolarmente distinti per lodevole comportamento nell’ambito di operazioni di servizio conclusesi con straordinario rendimento. In occasione della ricorrenza dell’anniversario della fondazione del Corpo, vengono di  seguito illustrati, distintamente per settore di servizio, i risultati delle attività svolte dal  Comando Provinciale di Frosinone:

LOTTA ALL’EVASIONE, ALL’ELUSIONE E ALLE FRODI FISCALI.

In tale ambito l’attività di servizio è stata concentrata prevalentemente nei confronti dei  soggetti fiscalmente più pericolosi i cui patrimoni sono da ricondurre ai gravi reati  economico – finanziari commessi, ai quali si è arrivati analizzando la sproporzione esistente tra redditi dichiarati e patrimonio personale. Un percorso fondato sul rilevamento della contraddizione emergente tra le manifestate disponibilità finanziarie e l’esiguo reddito dichiarato. Questi grandi evasori fiscali si avvalgono di una rete di connivenze per realizzare circuiti viziosi fatti di fatture false, emesse o utilizzate in contabilità.

Quello connesso alle fatture false è un fenomeno difficile da contrastare per le difficoltà connesse alla dimostrazione della inesistenza delle transazioni, a volte anche su scala internazionale, e i tempi talvolta lunghi per raccogliere le fonti di prova. In questa categoria rientrano anche coloro i quali pongono in essere le cosiddette “frodi  carosello”, ossia delle indebite compensazioni d’imposta e contributi nonché crediti IVA fittizi. 

Nel contrasto alle insidie fiscali un sempre maggiore intervento è stato finalizzato alle frodi fiscali, con l’esecuzione di oltre 878 interventi tra verifiche e controlli, avviati nei confronti di persone e imprese considerate maggiormente a rischio di evasione fiscale. Sfiorano 300 i responsabili individuati e denunciati per reati fiscali in un anno e mezzo di attività, la maggior parte dei quali rappresentati dagli illeciti più pericolosi per la stabilità economico-finanziaria del Paese e per la libera concorrenza tra imprese, quali l’emissione  di fatture false, la dichiarazione fraudolenta e l’occultamento delle scritture contabili.

I sequestri di disponibilità patrimoniali e finanziarie ai responsabili di frodi fiscali  ammontano a oltre 38 milioni di euro, ai quali si aggiungono ulteriori proposte già avanzate per oltre 170 milioni di euro. Nel comparto della cosiddetta economia “invisibile” sono 216 gli evasori totali scoperti, che hanno evaso in un anno e mezzo oltre 91 milioni di IVA. Nello stesso periodo sono  stati verbalizzati 24 datori di lavoro per aver impiegato 225 lavoratori in “nero” o irregolari. Nel comparto del gioco e delle scommesse sono stati eseguiti circa 60 controlli, di cui  oltre la metà con esito irregolare.

CONTRASTO AGLI ILLECITI NEL SETTORE DELLA TUTELA ALLA SPESA  PUBBLICA

Altro settore di servizio che ha visto impegnato il Comando Provinciale di Frosinone è quello del contrasto agli illeciti in materia appalti e agli altri delitti contro la Pubblica Amministrazione, nell’ambito del quale, sempre nell’ultimo anno e mezzo, sono state  denunciate 103 persone. Il valore degli appalti nei quali sono state riscontrate irregolarità  è di oltre 3,3 milioni di euro su un valore totale di gare controllate di oltre 3,7 milioni di  euro, pari al 90% di irregolarità nell’aggiudicazione delle gare oggetto di indagine. Sempre nell’ambito del contrasto delle inefficienze e degli sprechi nella Pubblica  Amministrazione, nell’ultimo anno e mezzo sono stati accertati anche danni all’erario di  oltre 12 milioni di euro e individuate 72 persone responsabili di danni erariali. Le frodi scoperte in danno del bilancio nazionale e comunitario sono state pari a circa  1,2 milioni di euro, mentre si attestano a oltre 335 mila euro quelle nel settore della spesa previdenziale e sanitaria 

Proseguendo in ambito sanitario ci sono poi i “furbetti” del ticket, settore nel quale i controlli mirati hanno consentito di individuare “sacche” di irregolarità pari a oltre il 70% dei casi: in pratica ogni 10 persone controllate, almeno 7 si sarebbero fatte curare gratis in  ospedali pubblici o in altre strutture private convenzionate senza averne diritto. Ulteriore settore particolarmente a rischio è quello delle assistenze domiciliari, dei pasti a domicilio, degli assegni per il nucleo familiare e di quelli di maternità, delle borse di studio e di tutti quegli aiuti economici e servizi sociali di assistenza spettanti ai cittadini che versano in condizioni disagiate.

I controlli svolti in tale ambito dalla Guardia di Finanza – Corpo di Polizia Economico Finanziaria a forte vocazione sociale – mirano proprio ad evitare che delle “prestazioni sociali agevolate”, - questa è la definizione tecnica degli aiuti in argomento – possano beneficiare chi non ne abbia diritto a danno dei più bisognosi. I risultati ottenuti sono significativi: su 130 controlli eseguiti, il 54% ha evidenziato irregolarità.

LOTTA ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ECONOMICO-FINANZIARIA.

Le indagini patrimoniali contro le organizzazioni criminali, finalizzate a sottrarre le risorse finanziarie e patrimoniali che le sostengono, hanno portato al sequestro di beni per un valore di 5,5 milioni di euro, frutto degli accertamenti eseguiti nei confronti di 310 soggetti, di cui 200 persone fisiche. Le richieste di sequestro in corso, invece, ammontano a 10,1 milioni di euro.

Gli interventi in materia di riciclaggio e autoriciclaggio hanno consentito di accertare casi per un valore di oltre 55 milioni di euro e di denunciare 107 persone. Per contrastare al meglio il fenomeno è stata necessaria anche un’azione preventiva attraverso l’analisi e lo sviluppo di 228 segnalazioni per operazioni sospette.

Nel settore dei reati fallimentari è stato scoperto un totale di patrimoni distratti pari a oltre 11 milioni di euro. Nel settore della contraffazione e tutela del “made in Italy” sono stati sequestrati circa  195 mila articoli contraffatti, non sicuri o con falsa indicazione del “made in Italy”, mentre nell’ambito delle frodi al settore agroalimentare sono stati sottoposti a sequestro oltre 50 mila kg di prodotti alimentari recanti marchi industriali falsificati o indicazioni non veritiere circa l’origine e la qualità. Particolarmente incisiva è stata l’attività a contrasto dei traffici di droga, nel cui ambito, dal  2017 a oggi, sono stati sequestrati 18 kg. di sostanza stupefacente e nr. 16 automezzi utilizzati per il trasporto della stessa. Sono state denunciate, inoltre, 39 persone, di cui 24 tratte in arresto.

CONTROLLO ECONOMICO DEL TERRITORIO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un piano straordinario di rafforzamento del dispositivo di sicurezza economico finanziario nazionale è già in campo da parte della Guardia di Finanza per prevenire e  contrastare fenomeni di illegalità diffusa. In tale ambito si inserisce il dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti predisposto dal Comando Provinciale di Frosinone che, unitamente al controllo economico del  territorio, contribuisce al presidio di strade e aree urbane per la ricerca di fenomeni disommerso d’azienda e di lavoro, nonché per la prevenzione del contrasto di tutte le  tipologie di traffici illeciti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento