Frosinone, il selfiemaniaco Alfieri chi? manda su tutte le furie i forzisti in Provincia ed è costretto a chiedere scusa

Un esordio al “fulmicotone” quello che ha fatto nella sala del Consiglio Provinciale di Frosinone il nostro selfiemaniaco sindaco di Paliano  Alfieri chi? nella giorna di "apertura" della seconda parte della consigliatura Pompeo.

Alfieri in Consiglio Provinciale

Un esordio al “fulmicotone” quello che ha fatto nella sala del Consiglio Provinciale di Frosinone il nostro selfiemaniaco sindaco di Paliano Alfieri chi? nella giorna di "apertura" della seconda parte della consigliatura Pompeo.

Nel suo discorso si è scagliato in modo “volgare” contro il responsabile provinciale di Forza Italia ed è scattata subito la bagarre in aula, dopo di che ha cercato di recuperare "la gaffe" chiedendo scusa.

Nel dettaglio cosa è successo? Il presidente della provincia Avv. Antonio Pompeo aveva letto le linee programmatiche ed aveva passato la parola all’apposizione di Forza Italia con i rappresentanti che si sono dichiarati disposti ad essere molto attenti a quanto farà il Centrosinistra, che per la seconda parte della consigliatura andrà a governare da sola l’ente provinciale annunciando, comunque, un’opposizione dura e intransigente. I forzisti, inoltre, hanno ricordato ai presenti che era stato fatto un accordo per i quattro anni di gestione Pompeo ed accusano la sinistra di aver rotto i patti, a questo punto si alza dal suo scranno il nostro Selfiemaniaco Sindaco e cerca in qualche modo di rispondere cercando di incolpare il centro destra della rottura dei rapporti politici proprio sulla storia dell’acqua pubblica (ma non era stato proprio Alfieri chi? A dichiarare di rompere con i forzisti dopo il primo voto sull’acqua dove lui si era dato?) Poi, preso dall’impeto oratorio, ha apostrofato il segretario provinciale di Forza Italia come “capo bastone” (stava parlando di Mario Abbruzzese che è stato già presidente del Consiglio Regionale del Lazio, due volte Consigliere Regionale e attualmente presidente di Commissione Regionale Speciale per le Riforme Costituzionali) a questo punto i quattro consiglieri di Forza Italia gli hanno risposto per le rime costringendolo a scusarsi. Ma, ormai, il danno era stato fatto.

Siamo sicuri che queste parole non avranno in futuro delle conseguenze anche nel suo partito?

Tutti sappiamo che il nostro selfiemaniaco parla di pancia e che, a volte, non si rende conto di quello che dice. Se questo avviene in un contesto dove però rappresenta il Pd essendone presidente provinciale, allora porta il suo stesso partito ad un livello politico bassissimo fatto di arroganza nei modi e nel linguaggio.

Mai come questa volta possiamo scrivere che il nostro selfiemaniaco ha perso l’occasione di stare zitto, soprattutto nel suo interesse perché più si espone e più fa brutte figure, nonostante i selfie che oramai non guarda più nessuno.

Andando oltre il singolo evento di ieri non abbiamo capito perché il selfiemaniaco sindaco si sia fatto dare la delega per la gestione dell’acqua. Questa cosa a Paliano gli sta creando tanti problemi perché c’è un comitato per “l’acqua pubblica” molto attivo e lui l’ultima volta ha votato contro alle direttive del suo segretario di partito, ossia ha votato proprio con Forza Italia per cacciare l’Acea Ato 5 dalla gestione provinciale contro la volontà del suo partito. A Paliano, invece, è per la gestione comunale con l’Amea. Boh ai posteri l'ardue sentenze future....

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento