Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Incendio Mecoris, terminata l'emergenza ambientale. Da martedì ritorno alla normalità

Il sindaco Ottaviani annuncia che la situazione è sotto controllo. Tutte le centraline registrano valori al di sotto della soglia di allarme

Nella serata di oggi ad oltre 24 ore dall'incendio alla ditta Mecoris a Frosinone la situazione va normalizzandosi. Verificati i numeri, l’amministrazione comunale ha quindi adottato una serie di provvedimenti di urgenza, sospendendo le attività negli edifici pubblici e nelle aziende, con l’invito a rimanere in casa e dotarsi di mascherine all'esterno. Il sindaco Ottaviani ha personalmente monitorato la situazione, istituendo anche l'unità di emergenza del Coc. “Da mezzogiorno, il quadro appare in via di normalizzazione – ha dichiarato – Siamo ovviamente in contatto anche con l’Arpa, che ha inviato alcuni campioni in un laboratorio di Rieti per la rilevazione di diossine, idrocarburi e composti volatili. La nostra rete di monitoraggio e controllo delle particelle aeree, dotata di 8 centraline, ha permesso all’amministrazione comunale di poter tirare un grosso sospiro di sollievo.

Nei prossimi giorni attività pubbliche e private regolari

Auspichiamo, a questo punto, una revisione delle norme regionali e nazionali che regolano il monitoraggio del PM10 proprio perché il dato, basato sulla media giornaliera, può compromettere l’efficacia dei provvedimenti delle autorità competenti, rendendoli intempestivi. Un monitoraggio fissato con una cadenza a tre minuti, invece, come quello attuato dalla nostra amministrazione comunale, ormai da un altro un anno, potrebbe facilitare il compito di coloro chiamati a intervenire in simili situazioni di emergenza. Attualmente, tutte le centraline registrano valori al di sotto della soglia di allarme e possiamo dire che la situazione è ormai normalizzata. Per i prossimi giorni le attività pubbliche e private potranno procedere regolarmente, con il suggerimento dato alla cittadinanza di consultare gli operatori delle strutture sanitarie pubbliche, nel caso in cui dovessero sussistere eventuali problematiche di sorta".

La Procura apre un'indagine

I dati delle centraline

Questi i dati delle centraline alle 16.30: Madonna Della Neve segnava 16 µg/m³ ; Villa Comunale 18 µg/m³; Via Adige 15 µg/m³; via Fosse Ardeatine, 8 µg/m³; via XX Settembre 14 µg/m³; via Fonte Corina 20 µg/m³; scuola Pietrobono 18 µg/m³; corso Lazio 14 µg/m³. Un’ora dopo, i dispositivi registravano questi dati: Madonna Della Neve 15 µg/m³; Villa Comunale 18 µg/m³; via Adige 14 µg/m³; via Fosse Ardeatine 11 µg/m³; via XX Settembre 13 µg/m³; via Fonte Corina 15 µg/m³; Scuola Pietrobono 17 µg/m³; corso Lazio 14 µg/m³. Sulla scorta di tali indicazioni, dunque, è possibile sostenere che la situazione di criticità appare finalmente superata. Rimane in vigore la sospensione entro il raggio di Km 2 da via delle Centurie, zona il Casale, fino al 9 luglio 2019, della raccolta ed il conseguente consumo di frutta ed ortaggi e l’attingimento idrico a fini alimentari da vasche e pozzi non protetti dalla precipitazione aerea, con il contestuale divieto di pascolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Mecoris, terminata l'emergenza ambientale. Da martedì ritorno alla normalità

FrosinoneToday è in caricamento