Facevano saltare la fila agli amici al pronto soccorso. Indagati 15 medici dello "Spaziani"

Le indagini dei Nas, partite da una segnalazione anonima, hanno messo in luce un sistema di "raccomandazioni" con il quale i codici da verdi diventavano rossi

Avrebbero agevolato i pazienti falsificando lo stato di salute per evitare loro file estenuanti al pronto soccorso. Questa l'accusa mossa nei confronti di quindici medici dell'ospedale di Frosinone al momento indagati per l’ipotesi di reato di peculato e falso.

La lettera anonima

La vicenda che ha portato i carabinieri del Nas di Latina ad effettuare gli accertamenti del caso risale agli anni 2012-2014. Tutto era nato da un esposto anonimo presentato in procura che evidenziava come al pronto soccorso di Frosinone vi fosse una situazione al limite del collasso. Davanti all'accettazione ogni giorno c'erano file estenuanti. Nella missiva lo scrivente lamentava le ore trascorse davanti alla sala d’attesa del pronto soccorso. Inammissibile che per essere visitati i pazienti dovevano trascorrere dalle quattro alle cinque ore.

Gli accertamenti dei Nas

Per questo motivo i militari del Nucleo Antisofisticazioni di Latina avevano iniziato ad indagare sulla vicenda, e proprio scavando su questo caso i carabinieri del Nas avevano notato che numerosi pazienti che all’accettazione erano stati classificati con un codice verde e quindi non in pericolo di vita, a distanza di pochissimo tempo risultavano essere stati visitati e sottoposti a tutte le indagini e terapie del caso come chi si trovava in codice rosso. 

Il "cambio" di colore dei codici di accettazione

Secondo quanto emerso dalle indagini portate avanti dagli investigatori, come per incanto quei codici verdi avrebbero cambiato colore e numerose persone sarebbero risultate in pericolo di vita. Sempre secondo indiscrezioni trapelate, dietro queste visite così "celeri" ci sarebbe stata la mano di alcuni medici. Dottori che seguivano privatamente i pazienti nei loro studi e che una volta al pronto soccorso li avrebbero agevolati utilizzando questo stratagemma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'apertura dell'inchiesta

A seguito di tali fatti la procura ha aperto un'inchiesta iscrivendo i quindici medici sul registro degli indagati per l’ipotesi di reato di peculato e falso. Nei giorni scorsi c'è stata la conclusione delle indagini preliminari. Spetterà adesso al pm in base agli elementi acquisiti decidere se richiedere il rinvio a giudizio o proscioglierli dalle accuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento