Sequestrò 25 persone all'interno della Curia, profugo condannato

L'uomo, un ghanese di 26 anni richiedente asilo, nel marzo scorso e per protesta contro la mancata retribuzione della quota mensile, aveva dato vita alla clamorosa protesta nella casa del Vescovo.

Sequestro di persona all'interno del vescovato di Frosinone. Un ghanese di 26 anni domiciliato a Ceccano è stato condannato ad un anno e quattro mesi di reclusione. La vicenda risale al marzo scorso quando il giovane, a cui era stato revocato il denaro stanziato mensilmente dallo Stato ai rifugiati, si recò all'interno della Curia di via Monti Lepino prendendo in ostaggio 25 persone che stavano uscendo e che avevano partecipato ad un seminario.

Cancello bloccato con i cassonetti dell'immondizia

Per impedire loro di uscire aveva bloccato il cancello con dei cassonetti di immondizia. A liberare gli ostaggi gli agenti della sezione Volanti che dopo una trattativa riuscirono e non senza problemi a bloccare lo straniero. Nella colluttazione due agenti rimasero feriti. L'uomo venne arrestato e ieri il giudice lo ha condannato ad un anno e quattro mesi di reclusione. Il ghanese, che ha trascorso sei mesi in carcere, era difeso dall'avvocato Luigi Tozzi del foro di Frosinone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento