menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botte e sevizie al figlio adolescente ed alla moglie, padre padrone condannato

Otto anni di reclusione per maltrattamenti in famiglia, tanto dovrà scontare un manovale sessantenne di Frosinone che è stato denunciato dal giovane dopo l'ennesima vessazione

Botte senza fine, calci, pugni, parole piene di odio e vessazioni di ogni tipo anche sessuali. Un padre-padrone che per anni ha costretto a vivere nella paura la moglie ed il figlio. Fino ad ieri quando il tribunale di Frosinone ha condannato un operaio edile di sessanta anni ad otto anni di carcere per 'maltrattamenti in famiglia'. A chiedere la 'punizione' esemplare è stato il pubblico ministero Barbara Trotta che nel corso di una lunga requisitoria ha ricostruito il calvario di una donna e di suo figlio.

La denuncia

Ogni istante della giornata, ogni sera ed ogni notte i due poveretti erano costretti a vivere nell'incubo di essere picchiati, offesi, oltraggiati. A far scattare le indagini, portate avanti dalla Questura di Frosinone, è stato il coraggio di un adolescente, il figlio dell'uomo che dopo l'ennesimo pestaggio ha deciso di denunciarlo. Le indagini portate avanti dagli investigatori della Polizia di Stato hanno fatto emergere particolari raccapriccianti e che hanno portato allì'apertura di un procedimento a carico del manovale e poi alla condanna esemplare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento