rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

La vicenda di cronaca si arricchisce di nuovi inquietanti particolari. Tornando nel suo appartamento la ragazza ha trovato la porta divelta. Qualcuno ha provato ad entrare nell'abitazione con l'intento di coglierla nel sonno. La giovane trasferita in un luogo sicuro vive in regime di protezione

Dopo la sparatoria la vendetta. E' quanto  ipotizzano gli investigatori circa il raid notturno avvenuto a casa della fidanzata di Juilian Maloku, l’albanese di 37 anni che l’altra sera a seguito di un'animata discussione ha sparato sul volto  di un suo connazionale, un ragazzo di 27 anni ferendolo gravemente. Ieri mattina rientrando a casa la ragazza ha trovato la porta divelta. Qualcuno  ha fatto irruzione nella sua abitazione. L'ipotesi più accreditata è che qualcuno stesse cercando prorprio lei per vendicarsi di quanto accaduto al 27enne.

La denuncia in procura

La giovane straniera si è subito recata in procura per presentare una denuncia contro ignoti. Gli agenti della polizia scientifca stanno adesso esaminando l'appartamento alla ricerca di qualche impronta che possa portare agli autori di quel gesto vandalico. Da alcune indiscrezioni trapelate sembra che la ragazza sia stata messa sotto protezione e accompagnata in un rifugio.

La discussione ed il colpo alla testa

I parenti dell'aggressore si sono trasferiti in un'altra città

Anche i parenti Julian Maloku dopo quanto accaduto alla ragazza hanno preferito allontanarsi da Frosinone e trasferirisi in un'altra città. A loro dire si sarebbe innescata una vera e propria faida che potrebbe portare a gesti inconsulti. Intanto dal policlinico Umberto I di Roma dove si trova il ragazzo ferito i medici non hanno sciolto la prognosi. 

Il delicato intervento chirurgico

Il ventisettenne che è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico sta ancora lottando tra la  vita e la morte. Adesso si è in attesa di sapere quali saranno le mosse degli avvocati Riccardo Masecchia e Giampiero Vellucci. Non è escluso che possano affidarsi ad un medico legale e ad un perito balistico proprio per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

FrosinoneToday è in caricamento